Zapata salta, non c’è accordo. Il sogno ora è Lukaku

Giacomo Emanuele Di Giulio
24/08/2023 - 10:11

Il centravanti belga è il sogno di fine estate per la Roma che si è vista respingere la trattativa per Duvan Zapata

Getty Images
Zapata salta, non c’è accordo. Il sogno ora è Lukaku

LUKAKU CALCIOMERCATO ROMA – Mancano otto giorni alla chiusura del mercato e la Roma è ancora senza la tanto agognata punta. Sembra chiusa anche la trattativa per Duvan Zapata con i giallorossi che devono trovare un’altra idea per regalare a Josè Mourinho un altro attaccante. Il sogno è Romelu Lukaku. Come appreso nei giorni scorsi dalla redazione di Romanews.eu, la Roma sarebbe al lavoro per regalare il calciatore allo Special One.

Il gm Tiago Pinto ora deve velocizzare le trattative

La Roma ora potrebbe orientarsi seriamente su Romelu Lukaku se la Juventus non accelera o che il Chelsea non prenda Vlahovic. Come scrive il direttore del Corriere dello Sport, Ivan Zazzaroni, la situazione per il gm Tiago Pinto si è complicata. La caccia al centravanti mancante, dovuta all’infortunio di Tammy Abraham, è costellata da grandi fallimenti ed a 8 giorni dalla chiusura sul mercato Josè Mourinho ha solo Belotti, El Shaarawy, Dybala e Solbakken in attacco. Ieri la chiusura della trattativa per Duvan Zapata determinata dai tempi stretti con l’offerta della Roma da 5 milioni più cinque di bonus che l’Atalanta non ha accettato. Con i soldi incassati dalla cessione di Ibanez e con parte di quelli che avrebbe speso per Morata, Marcos Leonardo o Zapata, perchè i giallorossi non si presentano al Chelsea per un prestito con obbligo di riscatto di Lukaku? Se dovesse fare bene, nel prossimo giugno il belga potrebbe anche essere ceduto in Arabia, magari dopo aver portato la squadra in Champions.

Vedi tutti i commenti (4)

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

    Tutti i commenti

  1. È ridicolo pensare ad un sogno del genere (che peraltro sarebbe una soluzione estemporanea e casuale , anche se graditissima). La campagna acquisti , fino ad oggi, è stata un fallimento per società e Pinto. E facciamola finita con i soldi che mancano e con i tifosi che non capiscono le problematiche finanziarie della società e anche con il fatto delle difficoltà delle altre squadre (che non ci sono). Si poteva vendere Ibanez al momento giusto e non 10 anni dopo. Solo un colpo sensazionale e inaspettato potrebbe smentire il giudizio e , naturalmente, ne sarei strafelice . Bisognerebbe sottolineare che le critiche servono da stimolo e non sono fatte tanto per gradire.

Seguici in diretta su Twitch!

Leggi anche...