9 Febbraio 2022

Zaniolo, niente riscatto: partita generosa ma opaca per il 22 della Roma

ZANIOLO ROMA COPPA ITALIA – La sfida dei quarti di finale di Coppa Italia regala la vittoria all’Inter che si impone 2 a 0 grazie a Dzeko e Sanchez. Zaniolo prova in tutti i modi a far male alla sua ex squadra ma senza successo.

Leggi anche:
Zaniolo salta il Sassuolo: una sola giornata di squalifica per il 22 giallorosso

Dzeko goal dopo 2 minuti: la Roma prova a riprenderla fino al 2 a 0, capolavoro firmato Sanchez

Inizio partita di scarsa concentrazione per la Roma, che poi si rianima e cerca di rimediare come racconta il Corriere dello Sport. Protagonista Zaniolo, cercato spesso dai compagni, al quale è mancata la precisione sotto porta. Servito bene da Abraham, il piattone del 22 è catturato da Handanovic. Migliore giocata della partita vanificata da Skriniar che compie un miracolo, poi arriva la segnalazione del fuorigioco a fermare tutto: Nicolò Zaniolo era riuscito a saltare Handanovic e a trovare un magnifico pallonetto, il difensore nerazzurro devia all’ultimo secondo ma, come detto, Zaniolo era in fuorigioco. Serata da dimenticare per la Roma e per il suo numero 22, che quantomeno può consolarsi per la decisione del Giudice Sportivo: una sola giornata di squalifica e quindi niente stangata per il giovane attaccante giallorosso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

3 commenti

  1. Uno ha detto:

    Partita opaca? Partita opaca quella di Smalling,Mancini,Abraham,Vina,Oliveira,etc.etc.

  2. Giorgio ha detto:

    A me sembra che con Zaniolo stiamo sprecando un talento enorme, gioca da solo abbandonato a se stesso, così è difficile che possa essere determinate.
    Il primo Spalletti quando si accorse di che razza di fenomeno era Totti gli costruì intorno una squadra, noi invece lo schema è palla a Zaniolo che si deve marcare tutti e fare gol.
    Da chi è chiamato special mi aspettavo schemi di gioco che purtroppo però non si vedono

  3. Gianluca ha detto:

    Secondo me il problema di Zaniolo è la posizione in campo che non gli permette di esaltarsi nelle sue abilità migliori. Non è una punta e neanche una seconda punta. Va in difficoltà quando gioca spalle alla porta o per lo meno in quella posizione avanzata rende meno. Ha bisogno di partire da più dietro per avere più campo avanti per concedersi la progressione in corsa che è la sua qualità migliore. Mou deve assolutamente prendere in considerazione questo elemento se vuole che Zaniolo diventi un trascinatore. Secondo me la posizione migliore che può ricoprire è l’intermedio di centrocampo con propensione di spinta ma anche compiti di rottura del gioco avversario perché ha le qualità fisiche per farlo.