Foto Tedeschi

ROMA ZANIOLO MOURINHO – Domani la Roma tornerà in campo contro l’Inter alle ore 18 allo Stadio Olimpico. Nell’11 giallorosso ci sarà sicuramente Nicolò Zaniolo che è stato pubblicamente difeso da Josè Mourinho dopo la sfida contro il Bologna persa dai giallorossi per 1-0.

Leggi anche:
Bologna-Roma: multa di 2mila euro a Zaniolo per “aver simulato in area avversaria”

Per il numero 22 un trattamento simile a quello subito da Totti in gioventù

Probabilmente Josè Mourinho ha esagerato anche se un pizzico di verità nelle sue parole c’è: Nicolò Zaniolo ha bisogno di essere protetto. Secondo Il Messaggero, il numero 22 viene punito alla prima protesta anche davanti a evidenti scorrettezze subite. Le parole dello Special One sono piaciute molto al classe ’99 che si è sentito protetto ma che ora deve cambiare atteggiamento limando qualche difetto di gioventù. Una situazione simile a quella successa a Totti più di 20 anni fa. Dall’arbitro Pairetto aveva rimediato la sua unica espulsione stagionale contro la Fiorentina. Non ci sono prove ma qualche episodio ha indispettito più di qualche fischietto italiano. Le attenzioni per il 22 arrivano anche dall’estero dove ci sono molti estimatori. Il Tottenham di Conte è alla finestra così come il Psg. La Roma non pensa a venderlo ma lo valuta tra i 50 e i 60 milioni di euro. Il calciatore guadagna meno di molti suoi compagni di squadra e si aspetta un adeguamento di contratto anche se il club non considera questa come una priorità.

6 Commenti

  1. Zaniolo deve cambiare registro con gli atteggiamenti in campo. Totti ci ha messo non meno di 5 anni per capirlo e conquistarsi una credibilità con la classe arbitrale ottenendone il rispetto.
    Zaniolo deve capire che è ancora agli inizi della carriera e deve ancora camminare , e tanto !

  2. Subito a battere cassa…. caro Zaniolo ( o suo procuratore) ricordati che sei stato infortunato e pagato un anno e mezzo dalla Roma… almeno quest’anno silenzio e pedalare.

  3. Calciopoli ci ha fatto conoscere bene la classe arbitrale.
    Se alcune decisioni o atteggiamenti degli arbitri sembrano quantomeno incoerenti ormai ne conosciamo il motivo.
    Zaniolo pensi a fare bene il suo mestiere come ha sempre fatto. Il resto non deve riguardarlo.
    E basta paragoni con Totti, sarebbero ingenerosi per chiunque.

  4. Zaniolo è forte, giovane e deve crescere. ha esuberanza e coraggio, ma deve lasciare da parte le proteste, imparerà con il tempo.
    la parte economica è gestita dal suo procuratore, e secondo me è il vero male del calcio : troppa ingerenza e fuga di notizie spesso false…

Comments are closed.