9 Agosto 2022

Wijnaldum: “Punto ad essere il centrocampista perfetto per la Roma. Mourinho non ha dovuto convincermi. Domenica pronto per giocare” (VIDEO)

"Mi sono sentito il benvenuto dal primo giorno, atmosfera da brividi all’Olimpico"

Foto Tedeschi

Dopo le prime dichiarazioni alla stampa di Svilar, Matic, Celik e Dybala, ora è il turno dell’ultimo arrivato in casa Roma: Georginio Wijnaldum. Il centrocampista olandese, infatti, ha parlato davanti ai microfoni dei giornalisti presso il Centro Sportivo Fulvio Bernardini. La nuova avventura di Wijnaldum era già iniziata domenica 7 agosto durante la presentazione della squadra e il match contro lo Shakhtar Donetsk. Ora, il numero 25 si prepara come il resto della rosa per la prima uscita stagionale in campionato all’Arechi di Salerno.

La conferenza stampa

Sky: Visto che l’anno scorso non hai giocato tutte le partite con il PSG, sei pronto per la partita di domenica?

Non ho fatto la preparazione estiva abituale, ma ho lavorato duro. Mentalmente mi sento pronto, poi vediamo in settimana, difficile dire se potrò giocare domenica. Io sono disponibile. Vedremo insieme ma alla fine l’allenatore farà la sua scelta

Gazzetta dello Sport: In passato Klopp ti ha definito in centrocampista perfetto. Ti rivedi in questa definizione?

E’ difficile definire il centrocampista perfetto. A Liverpool quello stile di calcio mi si addiceva bene, dipende dal tipo di gioco. Non è automatico che un centrocampista perfetto lo sia per tutte le squadre. La mia speranza è quello di essere il centrocampista perfetto per la Roma.

Repubblica: Che impressione hai del campionato italiano dall’estero? Perché hai scelto la Roma?

Ho scelto la Roma per la manifestazione di interesse che ha fortemente mostrato nei miei confronti. Tanti calciatori mi hanno parlato bene sia della città che del club: Salah, Strootman e anche Hakimi, che ha giocato da avversario all’Inter. Mi sono sentito apprezzato e voluto dalla società, sapevo che avrei giocato in un’atmosfera fantastica. Serie A indietro? Non lo so, non ci ho mai giocato.

Il Romanista: qual è la tua caratteristica che può essere più utile alla Roma?

Sono arrivato in una squadra con degli ottimi calciatori. Da come intende giocare la Roma, le mie caratteristiche si addicono sia nella fase difensiva che in quella offensiva. Il nostro può essere un matrimonio perfetto.

Corriere dello Sport: questa è una stagione particolare dove tutti i campionati si fermano a novembre per via del Mondiale. Hai già parlato con Mourinho per capire come partire prima della sosta? Quanto sono state importanti le sue chiamate per far sì che tu venissi a Roma?

Ritengo sia sempre importante partire bene, ma essere anche regolari nel percorso di crescita. Quest’anno sarà ancora più difficile per via del Mondiale in inverno, ma non è impossibile. Il mister? Ci siamo sentiti quando la trattativa era già in fase avanzata. Quando ci siamo incontrati abbiamo parlato di calcio, la sua bacheca parla per sé. Qualsiasi giocatore vorrebbe lavorare con lui.

Roma tv: Che effetto le ha fatto l’Olimpico? E come sono andati i primi allenamenti con i nuovi compagni di squadra?

L’atmosfera allo stadio è stata davvero speciale, sono rimasto stupito. Essendo una persona timida, tutto questo calore mi ha davvero sorpreso, tifosi incredibili. Quanto ai compagni di squadra, il primo giorno li ho incontrati a cena, già da quel momento ho avuto belle sensazioni, ho visto i miei compagni felici per il mio arrivo. E’ importante sentirsi accolti fin dal primo giorno. E’ stata una sorta di sorpresa la mia, tutti sono stati molto carini. E negli allenamenti la stessa cosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

8 commenti

  1. Giorgio ha detto:

    In effetti è un gran centrocampista che può far tutto in ogni parte del campo.
    Ma non bisogna avere fretta bisogna rimetterlo in forma

  2. Federico ha detto:

    Giusto, deve avere il tempo di allenarsi e integrarsi. Porta mentalità e esperienza, accanto a lui e a Matic il capitano Lorenzo Pellegrini e i due ragazzi Zalewski e Bove potranno esplodere realizzando con continuità il loro massimo livello a centrocampo.

  3. giovannib ha detto:

    Anche Theo Hernandez era una riserva al Real Madrid, anche Dzeko stava spesso in panchina al City prima di venire a Roma, devo aggiungere altro? Parliamo del Psg che paga 180 milioni Mbappè, 222 Neymar, che prende Messi e rinnova Mbappè a 50 milioni netti l’anno, che paragoni fate? Se in una squadra così vedono uno come Wjinaldum non adatto non ci vedo niente di strano, ogni allenatore fa le sue scelte, state boni

  4. LUCIANO SIBIO ha detto:

    Francamente non conosco Wijnaldum. Ma se la Roma vorrà giocare con un 3 5 2,mantenendo i 4,Dybala,Pellegrini, abraham e Zaniolo,devi per forza tenere i due,Pellegrini e Zaniolo sulla linea del centrocampo.Quindi lì ci sarebbe solo spazio per Matic in una formazione titolare con Cristante sua riserva fissa . Non vedo quindi nella formazione titolare Wijnaldum. Solo se si passa al 4 2 4 lo si potrebbe veder giocare titolare insieme a Matic,ma questo richiede l’acquisto di una grande centrale difensivo da affiancare a Smalling.

  5. Papa max ha detto:

    Pellegrini Matic e Wijnaldum dovrebbero poter giocare sempre a centrocampo, o comunque molto spesso .. Dybala Zaniolo e Abraham in attacco .. Difesa quindi a 4 oppure a 3 ma con un solo esterno .. karsdorp o Spinazzola .. meno male che ci pensa Mourinho a trovare le soluzioni migliori ..