24 Novembre 2021

Video Felix archiviato, ma i Friedkin chiedono disciplina

Foto Tedeschi

romanews-roma-dan-ryan-friedkin-romaempoli

ROMA FRIEDKIN VIDEO FELIX – Doveva essere un momento divertente, di quelli belli da vedere, invece è stato oscurato da un polverone mediatico per una frase che si è sentita in sottofondo nel momento in cui Mourinho ha mantenuto la promessa e consegnato a Felix le desiderate scarpe. Quelle poche parole pronunciate da qualcuno che non compare nella clip hanno scatenato un vero e proprio dibattito.

Leggi anche:
Felix fa chiarezza: “Nessuna frase razzista, la gente si è fatta un’idea sbagliata su ciò che ha sentito”

Episodio poco gradito dai Friedkin

C’è chi ha parlato di razzismo, chi non ci ha visto nulla di male e chi si colloca nel mezzo, ovvero niente di grave, ma una figura che si poteva evitare. Il Corriere dello Sport riporta che il caso a Trigoria è stato già archiviato, come momento poco felice, ma non di sfondo razzista. Sarebbe stato Tiago Pinto a spiegare ai Friedkin l’accaduto, sottolineando come Vito Scala (pare sia stato lui a pronunciare la frase) è una figura fondamentale nello spogliatoio, a tutto tondo. Lo storico preparatore di Totti ha sviluppato negli anni rapporti talmente confidenziali che potrebbero fargli scappare qualche espressione infelice. Non sarebbero perciò previsti provvedimenti disciplinari. La presidenza non sarebbe stata troppo contenta dell’episodio, ma il loro disappunto non è dovuto solo all’espressione infelice, bensì al fatto in se che la consegna delle scarpe sia diventato un evento mediatico. In generale, gli statunitensi sarebbero pronti a dare nuove disposizioni alla società, che prevede più riservatezza da questo punto di vista, nello spogliatoio in primis, ma anche negli uffici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5 commenti

  1. anto ha detto:

    Il problema non è la riservatezza ma in ambienti di lavoro ci sono persone all’altezza professionale e culturale per certi ruoli e altre no

    • Newthor ha detto:

      Non esagerare.
      Una frase infelice può pronunciarla chiunque e non per questo devono essere messi in discussione la professionalità ed addirittura il posto di lavoro.
      Altra cosa sarebbe se certi episodi dovessero ripetersi da parte dello stesso soggetto.
      Ma se/fino a quando questo non dovesse accadere è il caso di chiudere qui la faccenda, senza ulteriori code.

  2. lupo ha detto:

    In un club calcistico c’è bisogno di chiunque, nel proprio ambito, sappia fare bene il proprio mestiere, ma in ogni caso la cura per la comunicazione istituzionale di un club come la Roma dovrebbe essere ai primi posti nelle scelte strategiche della Società. Che serva per il futuro. E forza Roma in eterno !

  3. peter rei ha detto:

    tafazzi

  4. Sergio ha detto:

    Si pure Mourinho è ridicolo che organizza il video della consegna delle scarpe o si presta a questa cosa, non serve a nulla, se vuoi fare il gesto lo fai senza mettere tutto in bocca alla stampa ed ai social.
    Invece è diventato un teatrino mediatico di caz,,,sciocchezze.
    Non vedo benefici, lo fa per un ritorno di immagine? Ha delle utilità dai social? Hanno accordi con il marchio di scarpe?
    Boh?