Il vicesindaco di Catania, Giuseppe Arena, in relazione alla decisione adottata dall’Osservatorio sulle Manifestazioni Sportive, tendente a limitare la trasferta dei tifosi della Roma a seguito dei gravi fatti di sangue di domenica scorsa, dichiara:
 
“Le decisioni dell’Osservatorio sulle Manifestazioni Sportive del Viminale, ancora una volta, mortificano ed umiliano i tifosi del Catania, aggrediti domenica e defraudati il giorno seguente.
E’ incredibile, infatti –prosegue il vicesindaco- come preordinate azioni paramilitari atte ad offendere gravemente la vita umana, vengano “scambiate” e contrabbandate anche da una certa “stampa” tollerante, per intemperanze, ruggini, ostilità compiute dai tifosi della squadra avversaria. Si tratta invece di veri e propri attentati se è vero che, dal 4 settembre 2006 al 20 gennaio 2008, ben trenta tifosi di diverse squadre ospiti della Roma, sono stati accoltellati da gruppi di peseudo-tifosi giallorossi accaniti ed armati fino ai denti. Purtroppo, tra questi (ed è il secondo anno consecutivo), si segnalano dieci tifosi rossazzurri, sette lo scorso anno e tre quest’anno. E’ gravissimo!
E’ gravissimo -aggiunge il vicesindaco Arena- avere registrato l’anno scorso il colpevole silenzio di certa stampa nazionale, spasmodicamente impegnata invece in una vera e propria campagna denigratoria nei confronti della nostra tifoseria e dell’intera nostra città dopo i fatti del due febbraio 2007. E’ gravissimo, inoltre, non avere avuto notizia alcuna delle indagini relative ai gravi fatti criminosi a distanza di un anno che, ricordiamo, provocarono gravi danni alle persone ed alle cose (anche un pulmino incendiato). E’ gravissimo notare come discutibili provvedimenti restrittivi della libertà di azione e movimento, vengano adottati in maniera quanto meno illogica astrusa ed assai inconcludente –come mai si impone il divieto alla nostra tifoseria per la trasferta di Napoli e non per quella di Roma ad alto rischio e soprattutto, era stato previsto un piano straordinario di tutela e prevenzione per i nostri sostenitori in occasione di questa partita? E’ gravissimo, infine –sottolinea il vicesindaco- riscontrare disparità di trattamento e diversità di sanzioni, a seconda che si tratti di piazze blasonate e quindi possibilmente coperte da immunità, e di piazze genuine e senza santi in Paradiso come la nostra: se i gravi fatti di sangue si fossero verificati nei pressi di piazza Spedini o di piazza Santa Maria di Gesù a Catania, ci avrebbero questa volta squalificato il campo per dieci anni e magari avrebbero, che ne so, bloccato voli e traghetti per il capoluogo etneo per almeno sei mesi.
Insomma basta, è ora di finirla. Chiediamo giustizia rispetto e parità di trattamento. Ho incontrato il sig. Prefetto di Catania Finazzo, insieme al sindaco Scapagnini, per denunciare l’accaduto e per chiedere tutela anche per il prosieguo del campionato. La sconcertante punizione inflitta ai sostenitori giallorossi per i gravi fatti di domenica è offensiva, blanda e per nulla commisurata alla gravità dell’evento delittuoso. Non abbiamo bisogno –conclude il vicesindaco Arena- di un brodino caldo assai irritante in verità, che offende la nostra dignità e la nostra intelligenza. Abbiamo invece necessità che questa volta, rapide ed efficaci indagini assicurino alla giustizia i responsabili del vile attentato, mediante la ferrea e severa applicazione di una legge che, ricordiamo agli altri, noi lo abbiamo bene in mente, dovrebbe essere uguale per tutti”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here