14 Ottobre 2022

Viaggio a Pietralata: “Ma quale stadio? Qui è casa nostra”

La Repubblica ha raccolto i pensieri delle persone che vivono nella zona dove sorgerà il nuovo stadio della Roma

La Roma fa sul serio. Dopo aver trovato la zona adatta per la costruzione dello stadio di proprietà, la società lunedì ha presentato lo studio di fattibilità in Campidoglio. La nuova casa dei giallorossi sorgerà a Pietralata e accoglierà 62 mila spettatori.

Il pensiero degli abitanti della zona

Via degli Aromi è una strada di cento passi che si snoda tra il cancello di una palazzina, le baracche dei migranti di Baobab accampati e sullo sfondo un ex sfasciacarrozze poi riconvertito in autosalone, scrive La Repubblica. È qui che nascerà il mega parcheggio del nuovo stadio della Roma: su una terra di confine in un contesto difficile e dimenticato da tutti: prima un esproprio per lo Sdo, adesso un secondo in arrivo. “Lo stadio? Non ne sappiamo niente. Nessuno ci ha informato e non abbiamo ricevuto né lettere, né raccomandate. Che ce ne dobbiamo andare l’abbiamo letto sui giornali. A luglio è venuto un ingegnere. Aveva una squadra di tecnici, hanno fatto volare dei droni, hanno detto che ci avrebbero fatto sapere e poi sono spariti”. Dei sei pulsanti del citofono della palazzina senza numero subito a sinistra, solo quattro hanno i nomi. E uno di questi risponde. È Mario, nato qui 66 anni fa. Che aggiunge: “Stiamo qui dal 1929. Abitiamo da tre generazioni in questo casale che ormai ha più di cento anni. L’abbiamo trasformato in quattro unità abitative di 50 mq. Prima dovevano fare lo Sdo e l’area era già stata espropriata dal Comune, poi non hanno fatto niente. Così i terreni sono tornati ai proprietari, ora ai figli e ai nipoti. Non credo che dovremmo andar via, sarà come con gli altri progetti“.

“Siamo al centro di un parco dal valore inestimabile – racconta Luciano, pensionato – dove vivono istrici, volpi e fagiani. La macelleria di Largo Beltramelli ogni settimana ci dà gli scarti da portare agli animali: vado io a prendere le buste e so dove lasciare il cibo ai nostri amici pelosi. No, non permetteremo a nessuno di rovinare tutto questo. Neppure alla amata Roma. Qui abbiamo costruito le nostre case, le nostre abitudini che sono tutto quello che abbiamo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

2 commenti

  1. Mario ha detto:

    Daje, preparate le valigie e portateve via pure l’istrici e li fagiani!! 😂🟧💪🏻🟥
    Daje Roma nostra

  2. giovannib ha detto:

    Adesso bisogna pure salvaguardare i fagiani? Mica saranno sterminati, troveranno un altro posto dove vivere, come tutti gli animali e tutti gli esseri umani, al bisogno qualcosa ti inventi, sia che tu abbia l’intelligenza umana o l’istinto animale, non diciamo eresie per favore