17 Ottobre 2018

Vent’anni capitano, Totti e quella fascia che non si scorda

RASSEGNA STAMPA AS ROMA – L’addio al calcio non è stato un addio alla Roma. Come si legge su La Gazzetta dello Sport (C. Zucchelli), vent’anni fa, in questo giorno, un giovane Francesco Totti indossava per la prima volta la fascia di capitano, al posto di Aldair. La partita era contro la Fiorentina e fu vinta in rimonta dai giallorossi. Il ‘pupone’ ha smesso di giocare, ma come ricorda anche De Rossi, non smetterà mai di essere un simbolo per società e tifosi e un modello per tutti quei giocatori romani e romanisti che un giorno raccoglieranno la sua pesante eredità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

7 commenti

  1. Roma e non totti ha detto:

    dacci oggi la sua pubblicità quotidiana.:-))))
    Degno di una piazza senza ambizione alcuna.

  2. Roma e non totti ha detto:

    al Real avrebbe fatto lla fine di Cassano? Assai probabile vista la scarsa personalità fuori dalla sua bambagia.

    • Carlo73 ha detto:

      Certo dev’essere brutto dedicare la propria vita ad una causa persa…

    • Blek ha detto:

      Non sapendo che dire, te fai na domanda e te dai pure la risposta. Adesso pur di insultarlo si arriva a fare i maghi Otelma, …avrebbe fatto….avrebbe detto….come Cassano, analizzandone persino la personalità, a mò di amico intimo. Strano che non negate l’esistenza dell'”affare Real”

    • Paolo ha detto:

      A te sembra che la vita di atleta e personale del Capitano abbia qualche attinenza con quella di Cassano?
      Totti è stato uno dei più grandi calciatori di tutti i tempi, a detta di Pelé e Maradona e mi fermo qui, e vorresti paragonarlo a Cassano?
      Francesco all’ età di Cassano ora segava ancora una caterva di gol, senza contare il carisma e il rispetto che generava negli avversari, e la fiducia che inculcava nei compagni.
      Chi non rispetta il Capitano non merita di essere considerato Romanista.