Under e Kluivert, gemelli diversi tra numeri e infortuni: entrambi vogliono tornare a sognare

Redazione RN
20/02/2020 - 7:35

Foto Getty
Under e Kluivert, gemelli diversi tra numeri e infortuni: entrambi vogliono tornare a sognare

UNDER KLUIVERT – Cengiz Under e Justin Kluivert, così lontani eppure così vicini. Sono loro i ‘gemelli diversi’ della Roma. Per entrambi questa sembrava poter essere la stagione della svolta ed inizialmente lo è stata, almeno per l’olandese. Il turco ha invece dovuto nuovamente fare i conti con un grave infortunio dopo aver collezionato solo 2 presenze in campionato. Mister e tifosi continuano ad aspettarsi molto di più da due giovani che quando sono sbarcati nella capitale sembravano incarnare perfettamente speranze e ambizioni della Roma del futuro.

Stagione quasi in fotocopia: numeri e infortuni

I numeri di Under e Kluivert in campionato sono molto simili in questa stagione. Il turco ha finora collezionato 13 presenze (7 da titolare e 6 da subentrato) e realizzato 2 reti in Serie A. L’olandese ha invece disputato 16 partite (tutte da titolare), ha messo a segno 3 gol e servito 2 assist.

Questa stagione sembrava essere partita col piede giusto per l’ex Ajax, dimostratosi sin da subito indispensabile per Fonseca. Un infortunio alla coscia lo ha però fermato per oltre un mese e una volta tornato in campo, per certi versi, non è sembrato più lo stesso: dal rientro contro il Genoa il 19 gennaio ha servito soltanto un assist. Non segna dal girone d’andata, ovvero da quando la Roma ha battuto il Verona 3-1 l’1 dicembre al Bentegodi.

Buona anche la partenza del compagno di reparto, andato subito a segno contro il Genoa nella prima di campionato. Anche nel suo caso però un infortunio è arrivato e ha rovinato tutto, o quasi: il classe ’97 è rimasto fermo ai box per 54 giorni a causa di un problema al bicipite femorale. Una volta recuperato è tornato gradualmente in campo, alternando prestazioni buone ad alcune meno brillanti e ritrovando il gol sempre contro i rossoblù, dopo quasi 5 mesi di digiuno.

In campo però non sono poi così simili

Osservando i numeri più da vicino si nota però che in campo i due sfoggiano qualità piuttosto diverse. Le statistiche rivelano che Under sembra più a suo agio nella fase difensiva rispetto al compagno di reparto: il turco ha vinto l’80% dei contrasti e il 71,4% dei duelli aerei, mentre l’olandese si ferma rispettivamente al 64,7% e al 37,5%. I dati relativi ai passaggi premiano invece l’ex Ajax che vanta una percentuale di riuscita pari all’83,8%, mentre l’ex Basaksehir arriva al 76,3%. Il gap maggiore tra i due riguarda i passaggi lunghi: Kluivert ha una percentuale di successo pari all’80%, mentre Under non va oltre il 59,3%. C’è invece un altro controsorpasso se si prendono in considerazione i tiri effettuati in rapporto ai gol realizzati: la percentuale realizzativa del turco è infatti pari al 18,2%, mentre quella dell’olandese è del 13,6%.

Le parole di Fonseca su Under e Kluivert

Fonseca ha commentato il rendimento di Kluivert e Under in diverse occasioni e in diversi momenti della stagione. Queste le parole pronunciate in conferenza stampa prima dell’ultima sfida di Serie A contro l’Atalanta: “Under e Kluivert hanno fatto buone partite. E’ vero che Justin dopo l’infortunio non è stato come nella prima parte di stagione e Under penso che dopo l’infortunio di Zaniolo ha fatto due buone partite. In questo momento quando ci sono due sconfitte non sono solo due giocatori, ma tutti. Ora abbiamo bisogno di esperienza nella squadra, per i giovani è più difficile in un momento come questo”.

Dichiarazioni di un allenatore che ormai conosce bene i suoi giocatori e che si aspetta di più da loro in un momento complicato per l’intera squadra. Con ogni probabilità i due non partiranno titolari contro il Gent in Europa League, con Perez e Perotti attualmente favoriti, ma proveranno subito a invertire la rotta. L’occasione giusta potrebbe presentarsi già domenica in campionato contro il Lecce.

Martina Cianni

Vedi tutti i commenti (2)

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

    Tutti i commenti

  1. Gente che non può segnare mai (specie l’olandese). Con il rendimento visto finora finirebbero in panchina anche con la SPAL…Nessuno può permettersi attaccanti che non tirano, non entrano in area, non segnano.

  2. Turchetti da impacchettare al prossimo calciomercato, sempre che lecce o spal siano interessate. Magari qualche sqaudra turca o cinese

Seguici in diretta su Twitch!

Leggi anche...