Ad un anno dalla morte dell’ispettore capo di polizia, Filippo Raciti, avvenuta durante gli scontri del derby Catania-Palermo, in suo onore è stata inaugurata una scultura allo stadio Massimino. L’opera, scolpita dall’artista Giorgio Bisanti, è stata svelata dalla vedova, Marisa Grasso, e dal questore Michele Capomacchia. Alla cerimonia è intervenuto il capo della Polizia, Antonio Manganelli, che ha deposto una corona di fiori davanti alla scultura. “Parlare di normalità a un anno dalla morte di Filippo Raciti non è giusto perchè vorrebbe dire attenuare l’attenzione verso nuovi episodi che possono sempre avvenire- ha spiegato il presidente della Figc, Giancarlo Abete, presente alla cerimonia-. Il mondo del calcio deve ringraziare le forze dell’ordine per quello che fanno per recuperare insieme il modo di vivere insieme lo stadio come un momento di confronto, ma anche di partecipazione e di festa. C’è stato un quadro normativo migliorato e un codice di giustizia sportivo rafforzato, ma tutti insieme dobbiamo cambiare la cultura del modo di vivere il calcio e questo non avviene per decreto. Il terzo tempo? Aiuta nella lotta alla violenza perchè certe abitudini vanno accompagnate”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here