16 Luglio 2022

Umberti, presidente del IV Municipio: “Stadio in 3 anni. La Roma è una società molto seria”

Il presidente del IV Municipio, Massimiliano Umberti, ha rilasciato un’intervista a Il Romanista e ha parlato dello stadio della Roma. Di seguito uno stralcio delle sue dichiarazioni:

Partiamo da lontano. Da quando ha saputo dell’interesse della Roma per Pietralata?
«Beh, già da parecchio tempo, anche se adesso è difficile quantificarlo. Diciamo dall’inizio dell’anno, e comunque già da diversi mesi. Dopo poco che mi sono insediato».

Ha avuto modo quindi di iniziare a collaborare o comunque di interloquire con la Roma? Come le è sembrata la società?
«La società mi è sembrata molto seria e questo è dimostrato dal fatto che, in fin dei conti, fino a che non si è avuta la certezza dell’identificazione dell’area non abbia fatto assolutamente nessun tipo di comunicato stampa o dichiarazione. Mi sono sembrati molto determinati. Perché è un obiettivo per la Roma importantissimo da raggiungere per evidenti motivi. E mi sono parse delle persone molto, molto, molto, sensibili anche al contesto in cui potrà nascere questo stadio».

L’ultimissima, Presidente. Non da tifoso, ma da amministratore, quindi non un auspicio, ma una previsione. I tempi di realizzaione quali saranno secondo lei?
«Secondo me tre anni, forse tre anni e mezzo».

Per la prima pietra?
«Per finirlo. Ci sono tutti gli ingredienti e sappiamo che sarà qualcosa di cui gioveranno tutti. Sia da un punto di vista politico e amministrativo, sia da un punto di vista societario. C’è tutto l’interesse, una volta stabilite le cose in partenza, a muoversi velocemente. Con procedure chiare e lineari c’è tutto perché il progetto vada fino in fondo rapidamente»

Leggi QUI l’intervista integrale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

2 commenti

  1. Sergio ha detto:

    Si vabbè…

  2. Maurizio ha detto:

    Se anche voi foste seri come la Roma i lavori sulla Tiburtina sarebbero già terminati da un bel pezzo.
    Non censurate e date voce ai romani.