Totti ´vede´ la finale di Champions, ** la Roma sente il freddo di Verona

05/12/2008 - 0:00

 
Totti è fiducioso. «La finale di Champions? E’ un nostro obiettivo. Abbiamo questa possibilità e cercheremo di sfruttarla. Io ci credo», ha detto il capitano. Prima, occorre concentrarsi sulla partita contro il Chievo. Alla Coppa si penserà da sabato sera. La Roma è arrivata a Verona nel tardo pomeriggio. Nel corso del viaggio, i giallorossi sono apparsi tranquilli. Ma hanno avuto poca voglia di parlare. La comitiva romanista è stata accolta dal freddo. Alle 19, il termometro segnava infatti cinque gradi sopra lo zero.
 
INFORTUNATI — Per la sfida ai gialloblù, Spalletti non ha potuto convocare quattro giocatori. Vucinic, Tonetto, Aquilani e Pizarro non sono ancora a disposizione. Nella giornata odierna, i primi tre si sono dedicati alla fisioterapia. Pizarro ha lavorato a parte. Vucinic si è peraltro sottoposto ad una risonanza magnetica, presso Villa Stuart. Gli esami hanno evidenziato una periostite; vale a dire un’infiammazione nella zona di intersezione dei tendini. Le condizioni del montenegrino sono buone, comunque. Non è quindi escluso che possa tornare in campo nel match contro il Bordeaux, previsto per martedì prossimo. Anche Montella è stato avvistato nella clinica per alcuni controlli. Pizarro è invece ancora alle prese con un problema al ginocchio destro. Il cileno è vicino alla guarigione. «Sto meglio. Vedremo», le sue parole. Tonetto soffre ancora per un fastidio al tendine d’achille.
 
SALA STAMPA — Al Fulvio Bernardini, oggi Sky ha consegnato ai giocatori della Roma diversi decoder sfruttabili per la visione di programmi satellitari in alta definizione. L’evento si è svolto in un clima piuttosto allegro. Totti & Co. hanno scherzato a lungo tra di loro. Poi, l’intera rosa giallorossa ha autografato un decoder che verrà messo all’asta sui sito E-bay. Il ricavato sarà quindi devoluto alla Fondazione Borgonovo. Dopodiché, Spalletti ha parlato della sfida che andrà in scena al Bentegodi. Piena di tranelli. «Proprio perchè tutti danno per scontato un risultato a nostro favore possono esserci delle insidie. Siamo troppo indietro in classifica e non devono esserci dubbi sull’approccio che dobbiamo avere alle partite, non c’è spazio per facili pensieri». Il tecnico toscano ha spiegato di non avere intenzione di trattare l’argomento relativo alla campagna acquisti. «Io ho grande fiducia nei giocatori che ho a disposizione e non parlo di mercato. Anzi, mi farebbe piacere in questo momento in cui c’è anche qualche contratto da rifare che ci fosse attenzione verso quei calciatori con i quali ho condiviso momenti importanti e che sono stati dei punti di riferimento per la crescita avuta», la sua idea.
 
SCELTE — Spalletti — come detto — dovrà fare a meno di quattro elementi, domani sera. Cassetti verrà pertanto posizionato a destra, nella linea difensiva. Taddei — tornato oggi ad esercitarsi con i compagni — farà le «scorribande» a centrocampo, anche lui sul binario destro. Mentre Julio Baptista e Perrotta sosterrano Totti. Dunque, con tutta probabilità gli uomini verranno schierati attraverso il 4-3-2-1. Cassetti, Mexes, Juan e Riise comporranno la retroguardia; laddove Taddei appunto, De Rossi e Brighi la mediana. Baptista e Perrotta agiranno infine alle spalle di Totti. Con un solo obiettivo. Vincere.
 
Benedetto Saccà
 

Scrivi il primo commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*