Intervistato dall’inviato speciale di Striscia la notizia, Centofanti, il capitano risponde
Cosa si prova a essere il più grande giocatore della storia di questa squadra e di questa città, essendo anche romano?”E’ una sensazione bellissima, perché è un sogno che sono riuscito a realizzare, un sogno che avevo sin da piccolo”.Il gol più bello di questi 200, qual’è?”Il gol più bello che ho fatto è contro l’Inter a S.Siro”.Il gol più importante di questi 200?”Quello più importante è il gol dello scudetto contro il Parma all’Olimpico”.Poi l’inedita coppia inizia “ironicamente” a brindare a vari personaggi di fede giallorossa, fingendo di bere del vino rosso e di ubriacarsi.Totti alza il calice in onore del Presidente della Roma, Franco Sensi; poi di Carlo Verdone; poi dei tifosi della Roma (“Grandi”, dice Totti); di Renato Zero (“Ne vale la pena”, aggiunge Totti); di Claudio Amendola; di Bruno Conti (“Grande Brunetto di Nettuno”, dice Totti alzando il calice). Poi il capitano e Centofanti si lanciano in un duetto canoro: “Fatece largo che passamo noi, sti giovanotti de sta Roma bella…”. A questo punto arriva Delvecchio, che chiede ai due di saldare il conto. Ma l’inedita coppia, dopo una discussione su chi avrebbe dovuto pagare, pensa bene di darsi a gambe…La chiusura, da perfetto inviato di Striscia la Notizia, viene formulata proprio da Francesco Totti: “Da Roma, per Striscia la Notizia è tutto,  dall’imbriacone Centofanti, e da Francesco Totti 200 (tenendo in mano la sua maglietta con il numero 200 stampato sulle spalle, ndr), ciao”. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here