Totti e Klose recuperano per il derby. Sabatini: “Domenica faremo vedere chi siamo”

01/03/2012 - 21:58

(foto Getty Images)

NEWS DELLA GIORNATA – Inizia a salire la febbre derby nella capitale, a soli tre giorni dalla stracittadina in programma domenica alle ore 15. Il match sarà diretto da Bergonzi (LEGGI LA RUBRICA ‘OCCHIO AL FISCHIETTO’ A CURA DI ROMANEWS.EU) e vedrà con ogni probabilità al centro dei rispettivi attacchi Francesco Totti e Miroslav Klose. Entrambi hanno infatti smaltito gli acciacchi degli ultimi giorni. Intanto Walter Sabatini e Pablo Daniel Osvaldo rilasciano alcune importanti dichiarazioni sul derby e non solo.

ALLENAMENTO ROMA – Buone notizie dal campo per Luis Enrique, che per la stracittadina potrà contare su Totti: il capitano giallorosso, che ieri ha subito un trauma contusivo all’alluce sinistro in uno scontro di gioco con Cicinho, oggi ha lavorato regolarmente e la sua presenza domenica appare ormai scontata. Ottimismo anche sul recupero di Pjanic; il centrocampista giallorosso è stato tenuto a riposo dopo aver giocato 80 minuti nell’amichevole tra Bosnia e Brasile disputata martedì.  Simplicio ha invece riportato oggi una distorsione alla caviglia che lo ha costretto a guadagnare anzitempo la via degli spogliatoi. Oggi erano presenti anche i “nazionali” De Rossi e Borini (che ha svolto lavoro differenziato), mentre erano assenti gli argentini Gago e Lamela, impegnati ieri nell’amichevole con la Svizzera, Kjaer, impegnato con la Danimarca, e lo squalificato Cassetti (LEGGI IL QUADRO DEGLI INFORTUNATI). Con l’approssimarsi del derby, i tifosi hanno fatto sentire la propria voce: all’esterno del “Bernardini” è stato infatti affisso uno striscione. Il testo recitava: ” Nessuna resa, ma occhio alla difesa!“. Sempre i sostenitori giallorossi hanno atteso la squadra fuori dai cancelli e hanno intercettato l’auto di Marquinho, chiedendo al giocatore un gol alla Lazio. Il centrocampista brasiliano ha risposto: “Speriamo che gioco”.

PARLA SABATINI – Il direttore sportivo Walter Sabatini, che domani insieme a Tare parteciperà in Campidoglio alla presentazione dell’iniziativa contro l’antisemitismo, ha rilasciato questa mattina un’intervista a Sky Sport 24.  Il dirigente ha elogiato Borini, che ieri ha esordito in Nazionale maggiore: “La prova di Borini è stata la nota positiva della Nazionale. E’ elettricità pura. Siamo soddisfatti del suo approccio. Se resterà alla Roma? Certo. Abbiamo la comproprietà con il Parma, siamo d’accordo con Pietro Leonardi che sarà rinnovata a giugno e discuteremo l’anno prossimo”. Sabatini sente che la Roma potrà dire la sua nel derby:  “Noi ci arriviamo alla grande, abbiamo avuto una sconfitta rovinosa e abbiamo moderatamente paura, una quota sufficiente per fargli raccogliere attenzioni e qualità“.  Infine una battuta sul futuro del progetto giallorosso: “Per ora siamo un cantiere aperto, siamo tutto e il contrario di tutto, abbiamo dato l’impressione di essere a volte grandi e a volte mediocri. Ma diventeremo una squadra forte e competitiva, lo siamo già in qualche misura e mi prendo il rischio di dire che lo dimostreremo domenica”. Infine una battuta sul caso De Rossi: “Le cose che si dicono su di noi ci fanno apparire una congrega di fondamentalisti. Non è cosi, siamo gente molto tollerante. Io stesso devo esserlo con me stesso, sono un ritardatario e un fumatore incallito. Chi più di me farebbe deroghe? Poche cose dobbiamo farle, dobbiamo costruire qualcosa insieme e i calciatori lo sanno”.

PARLA OSVALDO L’attaccante italo-argentino ha rilasciato un’intervista a 360 gradi all’edizione odierna de Il Corriere dello Sport. Sull’espulsione contro l’Atalanta, che gli è costata la squalifica nel derby, Osvaldo si è espresso così:  “Mi dispiace tantissimo non giocarlo. Non ci sarò per un’ingiustizia: non meritavo l’espulsione a Bergamo. A volte sembra ce l’abbiano con me. Purtroppo nel calcio questo tipo di condizionamenti c’è sempre stato: certi giocatori fanno il triplo delle cose che faccio io eppure non vengono puniti“. Sulla vicenda De Rossi: «L’allenatore ha fatto una scelta, ma io non l’avrei lasciato fuori per un ritardo». L’attaccante torna poi sulla lite con Lamela: «Una discussione che è finita lì. Credetemi, el Coco per me è come un fratello minore. E’ un ragazzo d’oro che io voglio aiutare a inserirsi in Italia. Quando avevo la sua età, nessuno mi ha aiutato». Si parla anche di obiettivi:  «Ci manca la continuità. Siamo molto forti ma anche molto giovani. Ora proviamo a inseguire l’Europa, dall’anno prossimo lotteremo per vincere. Voglio fermarmi a Roma e vincere tanto qui». Infine una battuta su Totti: «E’ il numero uno. La sua semplicità è unica. In campo non ti rimprovera mai anche se sbagli mille passaggi. Io invece mando sempre qualcuno a quel paese…». E’ intervenuto poi in difesa del focoso attaccante giallorosso Filippo Fusco, l’intermediario che seguì il trasferimento di Osvaldo alla Roma dall’Espanyol: “E’ un ragazzo timido fuori dal campo. L’idea che da di sè è molto diversa da come in effetti è. Come ha reagito alla mancata convocazione in Nazionale?  Sa che Prandelli tiene al rispetto di un codice etico e ha accettato con grande serenità la situazione“.

ALTRE NOTIZIE GIALLOROSSE – Si è espresso sul derby di domenica anche Marteen Stekelenburg: “Sarà diverso rispetto all’andata, l’intesa tra noi è migliorata. Vogliamo la rivincita. De Rossi? Decisione dell’allenatore” queste le parole del portiere olandese al termine dell’amichevole di ieri sera vinta dagli Orange a Wembley. “Sto molto bene a Roma e alla Roma – ha continuato Stekelenburg – e spero di rimanerci ancora per tanti anni. È una società fantastica”. Anche Erik Lamela ha avuto un impatto positivo con la capitale. L’argentino ha descritto così i suoi primi mesi in giallorosso: “Roma è avvolgente, adoro la loro passione, qui è un po’ come stare a casa. Totti e De Rossi sono due veri leader in campo. Luis Enrique è un vero amante del calcio, questo è ciò che lo rende unico. Mi piacerebbe vincere qualcosa a Roma. A chi mi ispiro? Zinedine Zidane”. Chi potrebbe essere meno contento nell’ultimo periodo è Fabio Simplicio che però, nonostante le numerose esclusioni,  non vuole lasciare la Roma. A confermarlo è l’agente del centrocampista, Gilmar Rinaldi, che spiega: “Fabio si trova bene a Roma e nella Roma e intende restare fino al termine del contratto. Se intendono metterlo sul mercato, poi, valuteremo le offerte. Il suo rapporto con Luis Enrique è sereno“.

QUI LAZIO –  Miroslav Klose ci sarà nel derby. Lo ha riferito lo stesso attaccante, reduce dal una botta rimediata alla caviglia destra ieri sera in Nazionale, in conferenza stampa. Ecco le parole del bomber biancoceleste: “Domenica ci sarò. La Roma? E’ una squadra molto valida che può raggiungere alti livelli con molti giovani interessanti. Ma non ho paura altrimenti non sarei un giocatore. I pericoli? In questo momento Totti o Borini, ma l’aspetto del collettivo non è da sottovalutare. La partita è molto importante e se ognuno di noi metterà anima e corpo in questa partita possiamo vincere. L’importante è restare uniti ed essere un gruppo. Se riusciremo a farla potremmo portare a casa la vittoria anche questa volta”. Prima dell’allenamento odierno Antonio Candreva, il neoacquisto biancoceleste di presunta fede romanista, ha ricevuto gli applausi dei tifosi e ha risposto così: “Forza Lazio, vi conquisterò“. Nella seduta di oggi hanno effettuato lavoro di scarico Klose e Gonzales. Differenziato per Hernanes, mentre hanno svolto solo fisioterapia Konko e Lulic. In assenza dei due esterni, sulle fasce la Lazio dovrebbe giocare con Scaloni e Garrido.

(Continua: News in aggiornamento)

Federico Antonio Petitto

Scrivi il primo commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*