ROMA MOURINHO – Un anno e 4 mesi. Tanto era lontana l’ultima vittoria della Roma contro una grande squadra. L’ultimo successo con una big era targato Paulo Fonseca: 3-1 alla Juventus nell’agosto del 2020, a poche settimane dalla fine del lockdown anti Covid-19. A Bergamo è la Roma di Jose’ Mourinho a uscire dal lockdown in cui si era confinata non riuscendo più a imporsi su una big. L’affermazione sull’Atalanta, non casuale, di sostanza, rotonda e pure eccessiva nel pallottoliere, interrompe finalmente questo lungo e ingeneroso digiuno.

Così Mourinho ha scombinato i piani di Gasperini

Lo Special One ci ha messo del suo nella importante vittoria contro i nerazzurri. Al carattere della squadra, ha aggiunto concretezza e un equilibrio tattico che ha scardinato i piani di Gasperini. Il tecnico della Dea ha provato in tutti in modo a riacciuffare il match deciso dopo 53 secondi dal vantaggio di Abraham. Ma il raddoppio di Zaniolo, unito alla zampata di Smalling e alla doppietta di finale di Tammy hanno messo fine, meritatamente, alla striscia di 6 vittorie dei bergamaschi. Dopo 90 minuti sempre in controllo, la Roma può godersi tre punti che la portano a 31 in classifica, accorciando a -6 proprio dall’Atalanta e a -4 dal Napoli nella corsa per il quarto posto.

LEGGI ANCHE
Roma, 4 gol all’Atalanta mancavano da 24 anni. In panchina c’era Liedholm, anche Totti in gol

Atalanta-Roma, Abraham riapre la lotta al quarto posto

Libera di testa, cinica e consapevole, determinata e attenta a ogni fase di gioco. Così la migliore Roma della stagione ha sorpreso tutti sbancando Bergamo. Merito anche di una preparazione della partita che ha trovato il suo culmine nelle parole dell’allenatore alla vigilia. “Non firmo per un pari, affrontiamo l’Atalanta per vincere”. La comunicazione di Mourinho che finalmente anche a Trigoria si è fatta assertiva. Si è fatto bomber Abraham, protagonista assoluto del match aperto e chiuso da un suo gol (ora sono 6 in campionato). Si è rifatto vivo Zaniolo che trova il primo centro stagionale e si conferma in costante crescita di condizione. Si conferma decisivo Smalling che buca la porta della Dea proprio nel momento in cui l’Atalanta sembrava potesse tornare in partita. Se la Roma saprà sfruttare l’onda verde di questo momento e fare di Bergamo la partita della svolta, nella corsa a un posto in Champions può succedere davvero di tutto.

GSpin

9 Commenti

  1. Grande vittoria! Pero’ calma. Adesso che i nostri rimangano umili e concentrati e che trovino la continuita’ con le “piccole” e le grandi. Da parte nostra solo tifo incondizionato qualunque sia il risultato.
    Daje Friedkins, daje Mourinho!
    Forza solo e sempre Roma

  2. Volare bassi. Posto che preferisco squadre propositive e che subiscano meno, ovviamente mi sta bene anche vincere in contropiede, ma devi farlo anche le prossime 10 partite, altrimenti stiamo parlando di aria fritta.

Comments are closed.