17 Novembre 2022

Tahirovic: l’ultima pietra del tesoro costruito in casa Roma e lanciati da Mourinho

Benjamin Tahirovic ha esordito contro il Torino ed è uno dei tanti primavera lanciati da Josè Mourinho in questa sua avventura alla Roma

foto Tedeschi

Dopo la prima fase di campionato José Mourinho e la Roma devono fare un bilancio delle prime partite disputate: se gioco e prestazioni rappresentano delle lacune da colmare, l’aver scoperto alcuni baby talenti è sicuramente un punto di forza.

Il 2003 all’esordio in Serie A

Tra i tanti rimpianti di un inizio di campionato sin qui deludente, per la Roma ed i suoi tifosi c’è una nota positiva, ed è rappresentata dai giovani. Prima Zalewski, poi Bove e Volpato, ed ora Faticanti e l’ultimo arrivato in prima squadra: Benjamin Tahirovic. Il classe 2003 è conteso tra Svezia e Bosnia, nazionali che faranno lotta per assicurarsi il nuovo talento giallorosso. Tahirovic è solo l’ultimo di molti giovani lanciati da Mourinho, e come riportato da “La Gazzetta dello Sport”, il tecnico portoghese è fiero del suo lavoro con i giovani svolto sino ad ora. Non sono mancati gli elogi di José nei confronti del 2003: -“Sapevo da tempo che era pronto. Complimenti per il debutto, è andato molto bene.” – queste le dichiarazioni dell’allenatore della Roma nell’intervista post Roma-Torino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

2 commenti

  1. Vincent Vega ha detto:

    I giovani possono riservare sorprese o comunque costituire una fonte di introiti, tuttavia per ora, in questa recente nidiata, mi pare di vedere tutti giocatori da centroclassifica non adatti a fare i titolari alla Roma.

  2. Giorgio ha detto:

    Tahirovic Volpato Bove Felix che l’anno scorso spopolava tutti baby fenomeni.
    Poi vediamo Volpato che quando gioca non incide non fa nulla, subito però ci siamo sbrigati per farlo passare come il nuovo Baggio.Per un gol trovato e un assist fatto.
    Anche lì aveva sempre ragione Sabatini, questa è tutta gente che dovrebbe andare a giocare, poi se diventano giocatori, allora puoi pensare di riprenderli.
    Quanta gavetta ha fatto Frattesi, quanti Ascoli si è macinato in serie B prima di giocare come sta giocando ora in serie A.
    Tu ora butti dentro Tahirovic magari ti trova un gol da 40 metri e poi dopo tutte le altre partite sparisce, come successe l’anno scorso a Felix.
    Ini Ini Ini dov’è che sei Walter Sabatini