romanews-roma-friedkin-guido-fienga-romasassuolo

STADIO ROMA – Continua la telenovela Stadio della Roma. Un tira e molla che ormai dura da quasi dieci anni ma a Trigoria ora sono decisi a mettere la parola fine, che sia in modo positivo o negativo.

Decisivo il voto della prossima settimana

Intanto, come fa sapere La Gazzetta dello Sport, l’indispensabile revoca di Pubblico Interesse al progetto di Tor di Valle quasi certamente non sarà votata prima della fine della consiliatura. Il vecchio progetto per la Roma non era più sostenibile e a febbraio, quando i Friedkin hanno deciso di ufficializzarne l’abbandono, evidenziando anche inadempienze da parte di Eurnova, la sindaca Virginia Raggi ha accolto la notizia senza problemi, anche perché la Roma punta su un nuovo progetto relativo al solo stadio in un’area già servita da infrastrutture e condivisa con l’amministrazione. Tutto però necessita di una condizione di fondo, cioè la revoca del Pubblico Interesse. Torna protagonista l’altro proponente, Eurnova, proprietario dell’area di Tor di Valle, che da partner è diventato avversario. Il resto lo ha fatto la politica dell’ultimo quinquennio e le elezioni per il Campidoglio alle porte. La Raggi, su questo tema, può contare ormai solo su 19-20 voti e tutti sanno che, se la prossima settimana, fra martedì e giovedì, non si andrà al voto, la questione stadio si riproporrà non prima di un anno, nonostante l’intenzione del club di chiedere procedure d’urgenza.

Leggi anche:
Stadio, Tor di Valle in Aula. Raggi senza numeri teme sgambetti dai 5S

5 Commenti

  1. ma davvero pensiamo di rilanciare l’ Italia che le grandi Societa’ straniere non hanno paura della burocrazia italiana ma hanno terrore .. e dove la Magistratura sembra un mostro a tre teste che ti assolve, che prolunga fino alla prescrizione o che ti manda in galera a seconda se stai simpatico o no al Magistrato e a seconda di a quale Loggia o Partito tu appartenga ? in Italia avete anche i 5 stelle che predicano la politica della decrescita felice e finche’ non ve/ce ne libererete/libereremo saremo sempre del gatto e col piffero che le grandi Aziende straniere continueranno ad investire in Italia .. forse solo la Cina, col suo pragmatismo millenario, puo’ continuare a cercare di comprare Porti ed Aree Commerciali e Palazzi come facevano o tentavano di fare gli Arabi qualche anno fa .. finche la Raggi e i 5 stelle non saranno che un lontano ricorso ed il Campidoglio non sara’ ripulito e disinfettato da quelle presenze, non avremo grandi possibilita’ di avere una Roma LIBERA e funzionale .. io non voto piu’ a Roma ma voi che ci siete .. pensateci bene .. certo che mi sarebbe piaciuto fare un salto in Italia, a Roma per vedere una partita della Roma nel nuovo stadio con i miei figli .. altro desiderio che non riusciro’ mai piu’ a realizzare ..

  2. Ennesimo danno fatto da Pallotta, ha accettato l’abbraccio mortale della Raggi, non ne usciremo mai. Datemi del laziale, ma io l’avevo detto dall’inizio, i P-boys invece o insultavano o gridavano alla meraviglia

  3. io non capisco perché sia necessario ritirare la “pubblica utilità” a un progetto morto, e perché non si possa iniziare un’altro progetto a prescindere. qualcuno può spiegarmelo?

  4. o semplicemente c’è gente che, elconde, vuole lo stadio perchè porta ad avere una squadra più forte. siccome lo sai anche tu, ma tifi contro la Roma, giustamente, dal tuo punto di vista, hai sempre remato contro. cosa che fai tutti i giorni, quindi non c’è da stupirsi. su qualsiasi conferma di notizia negativa potresti incidere a fuoco “l’avevo detto”,

Comments are closed.