3 Ottobre 2022

Stadio Roma, i dettagli del progetto: dalla zona green al numero di posti disponibili

Tutti i dettagli relativi al progetto stadio

Foto Tedeschi

Com’era già stato anticipato nei giorni scorsi, questa mattina il CEO dell’AS Roma Pietro Berardi ha presentato in Campidoglio lo studio di fattibilità per il progetto stadio nella zona di Pietralata. L’iter parte ufficialmente oggi tant’è che lo stesso sindaco della Capitale Roberto Gualtieri ha dichiarato che sarà attivata immediatamente la conferenza dei servizi per esaminare e valutare il progetto. In queste ore emergono anche alcuni dettagli relativi allo studio in questione. Ecco i punti principali.

Una zona green intorno all’impianto

Secondo quanto si apprende da alcune fonti circa lo studio di fattibilità che nella giornata di oggi la Roma avrebbe consegnato questa mattina in Campidoglio, lo stadio a Pietralata sarà inserito all’interno di un’area green dove sorgerà un nuovo parco con 3mila alberi. Allo stesso tempo, però, lo studio non prevede nuovi hotel o centri commerciali vicini all’impianto.

E’ prevista, invece, un’area verde di circa 20 ettari con all’interno attività sportive per ragazzi e famiglie che saranno programmate dall’amministrazione e dal municipio IV. Le nuove piante, secondo quanto previsto dalla società, costituiranno anche una sorta di barriera fonoassorbente per il vicino ospedale Sandro Pertini.

La conferma arriva dalle parole dello stesso CEO dell’AS Roma Pietro Berardi, rilasciate questa mattina al Campidoglio. “Abbiamo presentato un’idea di stadio che non sarà soltanto per i tifosi della Roma ma sarà uno stadio per tutta la città, non sarà aperto solo per le due o tre ore della partita ma avrà una vita durante tutto l’anno”.

Capienza stadio: più di 60mila posti a sedere

Secondo l’agenzia DIRE, una delle novità maggiori sembra riguardare anche la capienza del nuovo impianto: oltre 61mila posti a sedere, estendibili fino a 65mila, appena 4mila per le auto. Tale tema è di un’importanza non da poco poiché l’idea della società giallorossa, con il superamento del “muro” dei 60mila (di cui 3mila riservati ai tifosi ospiti), è quella di far disputare nella futura casa della Roma anche finali internazionali: l’Uefa, ad esempio, predilige stadi con più di 60mila posti per l’ultimo atto della Champions League.

Sembrano pochi invece i posti auto: quattromila stalli coprirebbero al massimo il fabbisogno di un terzo del pubblico. La Roma punta a portare nel catino alle spalle della stazione Tiburtina almeno metà della persone con i mezzi pubblici approfittando della presenza nei pressi di 4 stazioni della metro B (Tiburtina, Quintiliani, Monti Tiburtini, Piazza Bologna) e, appunto, della stazione Tiburtina.

Tuttavia, al momento, la scarsa previsione di parcheggi (una parte dei quali interrata e un’altra in superficie in corrispondenza di un sovrappasso previsto su via dei Monti Tiburtini) sembra essere il nodo più spinoso da sciogliere insieme a quello legato alla garanzia di assenza di ostacoli per le ambulanze dirette all’ospedale Pertini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.