GRANCIO STADIO DELLA ROMA – Cristina Grancio, consigliere capitolino DeMa (ex M5S) nel gruppo misto, è intervenuta a Te la do io Tokyo in onda su Centro Suono Sport. Ecco le sue parole sullo stadio della Roma: “Finalmente oggi tutti conoscono la verità: il parere diceva che si poteva dire di no senza incorrere in penali. L’ho detto per anni perché lo avevo letto, lo conoscevo, sapevo quello che c’era scritto. Doveva essere la politica a tirarlo fuori questo parere, non certo la Guardia di Finanza. La Raggi ha raccontato altro per anni nonostante sapesse benissimo la verità, una sorta di gatta morta. Vorrei sapere in questi anni con chi si è confrontata la Raggi, con Bonafede, con Fraccaro… oppure con coloro che oggi sono rinviati a giudizio, De Vito e Lanzalone? Questa è la domanda che adesso dovremmo porci. Nascondere questo documento è reato? Domanda lecita, ma non siamo noi a poter rispondere a questa domanda. Come cambia l’iter? Credo che a questo punto la maggioranza debba avere uno scatto d’orgoglio e porre il problema sul tavolo della sindaca. Di certo ora la storia che andavano raccontando delle conseguenze gravissime che ci sarebbero state di fronte al no allo stadio, atteggiamento scorrettissimo tra l’altro, non regge più”.

9 Commenti

  1. L’opinione di questa incapace dimostra la visione distorta che si ha di questa città, che grazie a queste persone sta impoverendo sempre più.
    Queste persone si occupassero di temi concreti e non di mettere sempre bastoni tra le ruote allo sviluppo della città.
    Forza Zaniolo

  2. ERA UN PARERE COME CI SONO ALTRI PARERI CHE DICONO IL CONTRARIO. LA GRANCIO PARLA SOLO PERCHE’ E’ UNA VISIONARIA OPPURE UNA INDOTTA A DIRE NO ALLO STADIO A TOR DI VALLE….A BUON INTENDITOR…

  3. Bastaaaaa….lo stadio li non si può fare.(punto) Ci sono altri posti dove farlo.(aripunto)
    Via pallotta e via tutti i pallottini pro stadio che ci hanno rovinato.

    • Esatto. Se si faceva sui terreni di Caltagirone a Tor Vergata, lo avevano già fatto. Non è casuale il canale in cui la perfida Grancio ha parlato. Sono tutti corrotti.

  4. Grancio è una disonesta e una faziosa, come Berdini, Sgarbi, sono quei radical chic che pensano solo a loro stessi, al loro senso estetico delle cose, e se ne fottono di Roma e dei romani, se ne fottono di un progetto che porterebbe ingenti investimenti stranieri su una città moribonda, portando lavoro a migliaia di famiglie, ristrutturando la viabilità di tutto un quadrante agonizzante, bonificando il rischio idrogeologico, portando alla realizzazione di un parco fluviale assistito grande più dello stato del vaticano, con oltre 50 km di percorsi ciclopedonali, compreso un ponte dall’attuale stazione di Magliana della Roma-Fiumicino fino al TOR DI VALLE. Sono persone come la Grancio, Berdini e Sgarbi che hanno rovinato e continuano a rovinare Roma.

Comments are closed.