STADIO ROMA – Domani in sede istituzionale si tornerà a parlare dello stadio della Roma. E in particolare della delibera sul pubblico interesse del progetto Tor di Valle che dev’essere rimossa per avviare un nuovo iter su una nuova area, come chiedono i Friedkin. Come ricorda Il Corriere dello Sport, la condizione non è sufficiente ma necessaria per legge. Ma sul tema incombono da mesi incognite politiche e legato che hanno fermato l’avanzamento dei lavori in Campidoglio. La sindaca Virginia Raggi preme sul Consiglio per la revoca, accontentando le istanze della Roma, ma molti consiglieri sono orientati a disertare il voto per rimandare la decisione a dopo le elezioni. L’ipotesi alternativa alla revoca, che invece risulta più probabile, è l’annullamento della delibera stessa. Ma questo allungherebbe comunque i tempi del processo perché il documento andrebbe riscritto e poi approvato.

Leggi anche:
STADIO ROMA, NESSUNA REVOCA A TOR DI VALLE: I FRIEDKIN CAMBIANO I PIANI?