romanews-roma-gido-fienga-dan-friedkin-olimpico

STADIO ROMA FIENGA – “Se cominciamo a lavorare con la nuova Giunta subito dopo le elezioni, il progetto per il nuovo stadio si può approvare entro un anno”. Così il ceo della Roma, Guido Fienga, esprime parlando con l’ANSA l’attesa del club giallorosso per le elezioni comunali, in programma il 3 e 4 ottobre prossimi. “Seguiamo con interesse la campagna elettorale, desiderosi di conoscere le idee dei candidati in merito al progetto dello stadio”, aggiunge Fienga, che manifesta l’aspettativa “dal nuovo sindaco, chiunque sia”, di tempi di approvazione “all’altezza di un progetto così ambizioso e importante”.

Leggi anche:
Stadio della Roma, Matone: “Ho incontrato il club per parlarne”

“Lavoreremo con la futura amministrazione per realizzare insieme lo stadio – dice Fienga – Sulla base dell’esperienza avuta, quello che ci aspettiamo dal nuovo sindaco, chiunque sia, è che i tempi di approvazione siano all’altezza di un progetto così ambizioso e importante non solo per i nostri tifosi ma per l’intera comunità”

“Come abbiamo visto un iter di approvazione troppo lungo rischia di far perdere significato al progetto stesso, alterando di fatto le condizioni per il suo successo”, aggiunge il dirigente giallorosso. “Iniziando a lavorare subito dopo le elezioni da vicino con la nuova giunta, congiuntamente passo dopo passo, noi crediamo fortemente che il progetto si possa approvare entro un anno dalla sua presentazione”

 “Stiamo seguendo con interesse la campagna elettorale per le prossime elezioni comunali, desiderosi di conoscere le idee dei candidati in merito al progetto dello Stadio – la conclusione -: in generale il futuro della città è un tema che non può che stare molto a cuore al nostro club, impegnato in diverse attività sul territorio ormai da anni. Il legame tra Roma e As Roma è inscindibile”.

10 Commenti

  1. Questa è bella!!! A Fienga,ma guarda che mica puoi dare gli out-out! Ma dimettiti che hai collezionato solo figuracce,te e i tuoi compari banchieri.

  2. Qualcuno dica a Fienga che nessun sindaco (figuriamoci quelli che ora sono solo “candidati” e che vogliono solo acquisire visibilità!) può da solo garantire alcunché.
    Le approvazioni da raccogliere pervengono da svariati enti che sovente vanno per conto proprio e di certo non fanno capo al sindaco.
    Mi sorge un dubbio: ma dov’era Fienga negli ultimi 10 anni!?!
    Non ha forse visto in prima persona – o per interposta persona, cioè tramite Baldissoni – come siano andate le cose?
    Bah.

    • Tu hai sicuramente ragione però io mi chiedo: pure per costruire lo stadio della Juve è stato necessario raccogliere approvazioni da svariati enti con un iter lungo anni anni e anni?
      Io non credo ed è questo che non va, la disparità di trattamento tra noi e il resto d’Italia.
      La verità è che la politica romana ci ha sempre fatto campagna elettorale con lo stadio e ancora ce ne faranno in futuro, per questo non lo hanno ancora costruito.

      • La Juve ha costruito il proprio stadio sulla stessa area nella quale sorgeva quello precedente, per cui si è ritrovata tutte le infrastrutture già disponibili.
        Non c’è nessuna disparità di trattamento, anche perché le leggi urbanistiche sono le medesime.
        Semplicemente si tratta di situazioni diverse.
        Non sono state le leggi ad impedire la costruzione dello stadio della Roma, bensì l’ostruzionismo di certi potentati! Prima lo capiamo, meglio è.

  3. E invece con questa mossa la società vuole smascherare gli impostori.. proprio per farli esporre ed esporli a figuracce che non farebbero mai. “Chi vuole parlare parli adesso o taccia per sempre! “ questo è il senso.
    L esporsi prima implica una parola vera , il problema è stato che non c’è stata una linea da parte di nessuno, e che il progetto era forse troppo speculativo. Qui è ben diverso.. si parla di progetto insieme , per Roma , per tutti. Ed è la strada giusta.
    Forza Roma!

  4. Fienga ha fatto bene, nel senso che il suo intervento è inteso a mettere pressione su la futura amministrazione per evitare lo scandalo dei 9 anni di ritardi, giochi politici, pretese d’investimenti (strade, ponti, svincoli ecc.). La maniera migliore di passare il messaggio è di farlo prima delle elezioni, e aggiungendo la frase “….osserveremo attentamente quello che tutti i candidati diranno del progetto dello stadio, che sta a cuore a tantissimi cittadini……”, come dire se non remate a favore della costruzione dello stadio in tempi ragionevoli, perderete tanti, tantissimi voti. Le battaglie non si vincono solo con la forza bruta, ma anche e sopratutto con la psicologia e la manipolazione mentale del nemico.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here