27 Gennaio 2011

SOCIETA´, la decisione sul futuro compratore della Roma spetterà a Newco Roma

CESSIONE ROMA –  Secondo fonti accreditate entrate in contatto con l’ANSA, la decisione sul futuro compratore dell’As Roma spetterà a Newco Roma, società che custodisce il 67% del club giallorosso. In particolare, spiegano le stesse fonti, una decisione potrà essere assunta soltanto dopo il 31 gennaio, giorno ultimo per ricevere le offerte vincolanti. Soltanto in seguito, infatti, le offerte verranno esaminate. Inoltre, si sottolinea, non è prevista la firma di nessun memorandum d’intesa nei prossimi giorni. La decisione spetta quindi a Newco Roma, che è espressione di UniCredit e della famiglia Sensi ed è presieduta dal professore Attilio Zimatore, che era stato scelto la scorsa estate come figura super partes. Realtivamente agli incontri tecnici di New York, le fonti interpellate ribadiscono che si tratta di riunioni volte a esaminare e mettere a punto una rete di garanzie necessarie per la stesura di un’offerta vincolante. Al momento nella Grande Mela sono rimasti soltanto Piergiorgio Peluso e l’avvocato Roberto Cappelli

Sempre secondo quanto riferito all’ANSA, Newco Roma individuerà l’offerta più vantaggiosa e concederà una trattativa in esclusiva. Si presume che questo possa avvenire a stretto giro in modo da presentare il «filing» (documentazione) entro fine febbraio. Quanto agli incontri a New York, è stato sottolineato che sono serviti a UniCredit per conoscere tutti i componenti della cordata americana, visto che i vertici della banca non avevano ancora avuto modo di incontrarli in precedenza, eccetto con Thomas R. DiBenedetto, che aveva già fatto visita nella capitale. Al fianco del patron del Boston Red Sox ci sono altri quattro investitori: Julian Movsesian, Michael A. Ruane, Arthur J. Falcone e William C. Powers. Oltre a loro, in gara per l’acquisto dell’As Roma ci sono poi la famiglia Angelucci e gli arabi del fondo Aabar di Abu Dhabi, che hanno già avuto modo di incontrare sia l’advisor Rothschild che UniCredit. Mentre si dà per scontata la presentazione di un’offerta da parte degli Angelucci, resta ancora qualche incognita sulle intenzioni degli arabi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.