8 Dicembre 2022

Smalling, la Roma rilancia con un biennale. Pellegrini: “Con Mourinho sensazioni speciali”. Occhi ancora su Depay

Foto Tedeschi

Smalling, la Roma rilancia

Il contratto di Chris Smalling tiene banco dalle parti di Trigoria. La scadenza dell’accordo incombe, e l’inglese riflette sul da farsi. Alla finestra ci sarebbero Inter e Juve, ma la Roma ha avanzato la sua proposta per trattenere l’inglese: due anni, fino al 2025, anche se con un ingaggio ridotto rispetto all’attuale. Una strada percorribile da subito, senza neppure aspettare l’entrata in vigore della clausola.

L’intervista a Pellegrini

Lorenzo Pellegrini ha rilasciato un’intervista e gli inglesi di FourFourTwo e tra i diversi temi ha raccontato l’arrivo di Mourinho: “Non ne sapeva niente nessuno. Anche sul campo di allenamento, lo abbiamo scoperto praticamente nello stesso momento in cui la Roma lo ha annunciato. È un allenatore che ha scritto la storia del calcio, ha trasformato lo sport e fa ancora di tutto per continuare a vincere, è qualcosa che infonde in noi ogni giorno”, non è mancato un commento sulla Conference: “Vincere è stata la realizzazione di un sogno per me. Ho sempre sognato di alzare un trofeo con questa maglia e la scorsa stagione è stata la mia prima vera stagione da capitano”.

Calciomercato, fattore D

Al momento in casa Roma il calciomercato si muove all’insegna della D. Piace l’attaccante del Friburgo Ritsu Doan, anche se un suo arrivo a gennaio risulta complicato, essendo uno dei giocatori più importanti del club in questa stagione. Difficile anche lo sbarco di Memphis Depay in questa finestra, anche se la Roma è al momento in vantaggio su concorrenti del calibro del Manchester United ed è già in contatto con il Barcellona. Per la fascia occhi su Doig, che al Verona sta vivendo un buon momento, tanto che il calciatore è nel mirino anche di Lazio, Atalanta e il Bologna

Scaloni e le scelte su Dybala

Il tecnico dell’Argentina, Lionel Scaloni, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia dei quarti contro l’Olanda, ed è tornato sul tema Paulo Dybala, ancora in attesa di esordio al Mondiale: “Non ha giocato perché non ho visto l’occasione di inserirlo. Sta bene, in condizione di giocare, ma in tutte le partite non abbiamo avuto la possibilità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

1 commento

  1. Federico ha detto:

    Se una società rinnova Mancini a 3,7 per 5 anni (netti) – ma come si fa? è un ingaggio fuori mercato, chi mai glieli darebbe? – deve darne 18 a Smalling che vale 100 volte tanto.

    Io avrei rinnovato Smalling prima e anche Zaniolo, non avrei rinnovato Mancini e giammai Cristante.

    Quanto a Lorenzo Pellegrini spero che Mourinho lo farà correre contrastare e rincorrere giocando faccia alla porta: se fa una sola fase e gioca come fosse Baggio beh… siamo molto lontani, i numeri e il campo parlano chiaro. Deve fare anche la fase difensiva, recuperare la palla, come faceva al Sassuolo e poi con DiFra.