Foto Tedeschi

ROMA SMALLING – Torna Smalling e la Roma non prende gol. E’ successo con lo Zorya e, soprattutto, ieri contro il Torino. La sensazione di tranquillità che mette a tutta la squadra (e ai tifosi) il centrale inglese è evidente e contro i granata ha mostrato tutte le sue qualità. Leadership, posizionamento sempre perfetto, qualità nel palleggio. Con lui è tutta un’altra Roma.

Staff medico decisivo per il suo recupero: ecco la strategia utilizzata

Con il difensore più forte Mourinho fatica molto meno e i numeri non mentono: in quattro delle sei partite in cui la Roma non ha subìto gol in campionato, Smalling c’era. E l’inglese c’era anche nei due clean sheet contro i modesti ucraini dello Zorya. Lo staff medico del club ha lavorato con molta attenzione al rilancio. Dopo due lesioni muscolari in poche settimane, che si aggiungevano agli infortuni della scorsa stagione, è stato studiato un metodo che consentisse a Smalling non solo di guarire completamente, ma anche di abbinare al recupero clinico un adeguato lavoro di prevenzione. Invece di rientrare dopo un mese ha dovuto aspettarne quasi due. Ma i risultati si vedono: Chris ha giocato due partite in quattro giorni e sta acquisendo ogni giorno più sicurezza, e la Roma con lui.

Leggi anche:
SMALLING: “NIENTE PUO’ BATTERE LA SENSAZIONE DI UNA VITTORIA. AVANTI I PROSSIMI!”

2 Commenti

  1. mi e’ piaciuto averlo sempre trovato dove doveva trovarsi .. cosa che non sempre e’ accaduta nei match giocati senza di lui .. lo credevo finito, ma se gioca cosi’ come ieri, allora e’ una risorsa importante per la Squadra.

Comments are closed.