Sexgate, Roma attaccata: si cerca il “destabilizzatore”

Marco Guerriero
24/03/2024 - 12:42

Mentre proseguono le indagini della Procura federale sul caso del video hard a Trigoria, la Roma sta conducendo un'indagine interna per trovare l'origine dei continui attacchi

Foto Romanews.eu
Sexgate, Roma attaccata: si cerca il “destabilizzatore”

ROMA SEXGATE CASO – In casa Roma continua a tenere banco il caso dell’ex dipendente licenziata dopo la diffusione di un suo video hard da parte di un giocatore della Primavera. Come riporta Il Corriere dello Sport, mentre la Procura Federale continua a svolgere le indagini, il club giallorosso sta lavorando per scoprire l’origine degli “attacchi mirati e diffamatori alla dirigenza, volti a destabilizzare il club in un momento cruciale della stagione”.

Nell’incontro di venerdì mattina tra l’avvocato Lorenzo Vitali, accompagnato dal legale del club Antonio Conte, e il procuratore federale Giuseppe Chiné, è stato indicato il nome di un possibile “destabilizzatore” della società. Stando a quanto filtra da Trigoria, gli attacchi alla proprietà e alla società sarebbero arrivati da elementi, interni ed esterni, che hanno risentito dei cambiamenti apportati negli ultimi mesi dalla dirigenza. Fin qui il procuratore Chiné ha ricevuto solo un nome. Si aspetta la fine della indagine interna condotta dalla Roma, che avrebbe incaricato uno studio penale di far luce sulla situazione.

SEGUI ROMANEWS.EU ANCHE SU FACEBOOK!

Vedi tutti i commenti (5)

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

    Tutti i commenti

  1. Ma quali attacchi esiste la legge che regolamenta il lavoro il Padrone yankee se ne faccia una ragione .Si sl rispetto dei lavoratori e alla reintroduzione dell’articolo 18

  2. È evidente che se, un episodio avvenuto nel mese di novembre scorso, esce fuori ora allora qualcuno vuole in questo momento portare problemi nella Roma. Un momento cruciale della stagione ma, devo essere bravi allenatore e calciatori a restarne fuori.

Seguici in diretta su Twitch!

Leggi anche...