Sabato 22 marzo, la giornata di campionato di serie A sarà dedicata al tema della sicurezza sul lavoro. Nei dieci campi di calcio in cui si svolgeranno le partite, prima del fischio d’inizio, verranno esposti degli striscioni tricolore con su scritto: ‘Sicurezza sul lavoro – Tutti in campo – Nessuno in panchinà per sensibilizzare spettatori, sportivi e opinione pubblica su questo importante problema. L’iniziativa nasce da un invito che il ministro del Lavoro e della Previdenza sociale, Cesare Damiano, e il ministro per le Politiche giovanili e le Attività sportive, Giovanna Melandri, hanno rivolto nei giorni scorsi al presidente della Figc, Giancarlo Abete, per chiedere alla Federazione e alla Lega Calcio che una giornata del campionato di serie A fosse dedicata a un momento simbolico di attenzione nei confronti del tema delle morti bianche e della sicurezza sul lavoro. “Il problema della sicurezza sul lavoro -affermano Damiano e Melandri- è drammaticamente tornato di attualità per la tragica costanza degli eventi dolorosi che colpiscono lavoratori, lavoratrici e le loro famiglie. Occorre mettere in campo su più fronti iniziative, anche di comunicazione, per promuovere la cultura della sicurezza nei luoghi di lavoro. Lo sport e in particolare il calcio -hanno concluso i due ministri- è senza alcun dubbio un potente agente in grado di veicolare in maniera ampiamente diffusa l’attenzione pubblica su problemi di carattere sociale”. Il presidente della Figc, Giancarlo Abete, ha sottolineato come “anche su questo tema, così doloroso per tanti lavoratori e per le loro famiglie, il calcio italiano si mobilita attraverso un’iniziativa che vede in prima fila i nostri calciatori e le nostre società. Da parte di tutti -ha aggiunto Abete- è stato avvertito e condiviso il dovere di utilizzare l’enorme popolarità del calcio e la sua capacità di diffondere messaggi significativi per dare una doppia testimonianza: di solidarietà alle famiglie delle vittime e di impegno civile teso a far crescere nel nostro Paese la cultura della sicurezza sul lavoro”.
 
 
 
 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here