DE SIERVO FINALE COPPA ITALIA PUBBLICO – L’amministratore delegato della Lega Serie A Luigi De Siervo ha preso parte alla conferenza stampa di presentazione della finale di Coppa Italia, in programma mercoledì prossimo al Mapei Stadium fra Juventus e Atalanta. Tra gli argomenti affrontati le modalità di accesso degli spettatori all’impianto e anche la vicenda Superlega. Queste le sue parole:

Leggi anche:
La finale di Champions League trasloca in Portogallo

Sulla finale di Coppa Italia

Ci sarà il ritorno del pubblico, lo faremo attraverso una app che si chiama Mitiga, dove sarà possibile caricare e registrare il proprio biglietto, sarà necessario il tampone entro 48 ore, sarà una prova generale per il futuro. Sui biglietti posso dire che i club stanno definendo un protocollo, è una facoltà dei club poi su come effettuarlo, ma è una scelta già compiuta. Non verranno regalati ma verranno messi in vendita, poi i club decideranno come. Ringrazio anche i presidenti Gravina e Dal Pino perché è bene ricordare dove eravamo un anno fa. E se il movimento è ripartito per la coesione di questo gruppo di dirigenti sportivi, con tutti i club ovviamente, che hanno dato una riprova importante. Nulla si sarebbe potuto fare quest’anno se non fossimo stati uniti. Se la riapertura al 20% è al netto degli addetti ai lavori? E’ al 20% di pubblico. Questa è una decisione che spetta al CTS. Agli internazionali di tennis è sufficiente la mascherina, nello stadio invece è stato deciso un protocollo un po’ più severo, gestiremo comunque questa fase nel rispetto delle regole”.

Sulla Juve e Superlega

“Mi auguro che non ci sia alcun tipo di esclusione. Ha già parlato il presidente Gravina, ha spiegato quella che sarà la norma italiana, ribadendola nel prossimo consiglio federale. C’è ancora tempo, le diplomazie sono al lavoro. E’ giusto seguire le cose con grande attenzione, sono ottimista”.