SERIE A DAZN – Nella giornata di ieri la Lega Calcio ha inviato una lettera dai toni molto duri nei confronti di Dazn per richiamare la app a offrire un servizio di qualità come previsto dal bando e nell’interesse dei consumatori. Come scrive il Corriere della Sera, i presidenti sono preoccupati ogni giorno di più, anche perché gli sponsor hanno iniziato a lamentarsi per la ridotta visibilità dovuta ai black out di trasmissione. Anche Luigi De Siervo, ad della Serie A, ha incontrato i vertici dell’app ribadendo ai manager la necessità di un completo rispetto della qualità della trasmissione. Dal Pino convocherà una nuova assemblea entro una decina di giorni per coinvolgere le società nel dibattito. Al momento i presidenti, pur spazientiti, non minacciano né contemplano piani B.

Leggi anche:
Tifosi allo stadio, ok del Cts al 75% di capienza

12 Commenti

  1. Il comportamento della lega calcio è ipocrita e ridicolo.
    Ipocrita, perché è stata proprio la lega ad assegnare a Dazn i diritti del calcio, ben conscia delle difficoltà tecniche ed infrastrutturali che poi si sono puntualmente palesate.
    Ridicolo, perché tale va considerato chi, dopo aver incassato i miliardi, si riscopre paladino dei diritti dei tifosi.
    In questi casi il silenzio sarebbe preferibile a risibili strali, che oltretutto nemmeno prevedono un piano B…

  2. premetto che ne’ in BG che in Grecia hanno trasmesso Verona Roma .. Mio figlio in BG ed io in Gr non l’ abbiamo potuta vedere pur pagando un abbonamento .. l’ abbiamo vista in streaming , maluccio, anche male, con momenti di immobilismo, e non certo grazie a Dazn .. quindi la scelta di Dazn, nonostante abbia chiaramente pagato piu’ delle altre concorrenti, si e’ comunque rivelata SBAJATA come d’ altronde SI SAPEVA! ma chi c’ ha preso la tangente, la bustarella, il sotto banco ? mi sbilancio ..? nooooo .. troppo facile ..

  3. La questione dei diritti televisivi è stata gestita in un modo semplicissimo: ha vinto chi ha offerto di più.
    Ovviamente, i firmatari dell’accordo si sono guardati bene dall’analizzare il problema della qualità del servizio e della copertura di banda sul territorio Italiano.
    Secondo dati del 2020, la banda ultra larga, sopra i 30 mega, è ferma al 44% contro una media Ue del 71%, quella a 100 mega è al 10,2% contro l’85% richiesto dall’Ue.
    Nonostante la cruda e spietata realtà dei numeri, si sentirono commenti entusiasti, addirittura qualcuno si spinse ad ipotizzare l’inizio di una nuova era digitale…..
    Secondo la saggezza dei nostri padri latini, pecunia non olet…..

    • Non è un problema infrastrutturale. Dal 2020 al 2021 c’è stata un grande accelerazione per quello che riguarda la banda larga. Io ho Tim Fibra 1000 e nonostante questo DAZN si vede in maniera pietosa.

    • …e in tutto questo ribadisco che la Lega è tutto tranne che la parte lesa!

      @ Michele
      E’ esattamente come dici: il problema di DAZN risiede nella sua rete, non nell’infrastruttura in sé.
      Lo dimostra il fatto che Amazon Prime, per dirne una, riesca a garantire un livello di eccellenza, appoggiandosi al medesimo sistema.
      Purtroppo, come sempre, chi è in difetto anzichè fare autocritica e pedalare preferisce “buttarla in caciara” e tirare in ballo questioni generiche (il digital divide dell’Italia): della serie colpa di tutti, colpa di nessuno.
      Peccato che in tutto questo ci sia chi ci lucra: DAZN da una parte (almeno fin quando i suoi conti reggeranno: il crack non tarderà) e la Legacalcio dall’altra.
      E in mezzo, a fare da zimbelli, tutti noi tifosi.

      • finalmente dei commenti con un po di conoscenza della materia. La rete italiana non è cosi indietro come si vuole far credere, basta aver visto la CL su amazon Prime, qualità doppia (Full Hd anzichè l’HD di DAZN). Sicuramente per la rete scontiamo la distribuzione orografica dei nostri paesi. Per dirla meglio, in Inghilterra con un antenna copro km e km di territorio, qui da noi è impossibile. Dazn deve sicuramente investire sulla sua piattaforma, e gli italiani comprare più connettività fibra. Non vi fare ingannare da chi scrive sui forum, quelli sono una minoranza, i dati veri sono che in Italia anche dove c’è disponibilità di fibra ottica vera e propria, la gente non la compra. Andate sui siti specializzati (tipo corriere delle comunicaizoni) e scoprirete un altro mondo

    • io sono convinto che l’assegnazione a DAZN faccia proprio parte del piano di digitalizzazione. Del resto l’Italia è indietro anni luce rispetto agli altri paesi e l’unico modo per far diffondere la connesione internet è il calcio. Poi sull’ipocrisia di lega calcio e associazioni varie (a pseudo-difesa dei consumatori) che si svegliano solo dopo, sono pienamnete daccordo.
      Lo scrive uno che per onestà deve dire che con fibra 200 di wind ho avuto solo due micro pause da circa 5 secondi l’una durante Verona Roma e poi tutte le altre viste perfettamente

      • Non sopravvalutare chi hai davanti, men che meno il mondo del Calcio!!!
        Ma quale piano per la digitalizzazione!!!
        Questi fino all’ultimo sono stati indecisi se dare i diritti a DAZN oppure farsi un proprio Hub, per trasmetterle in proprio!!!
        Cosa che avrebbe implicato un decoder ad hoc!!!!
        L’unico fine filantropico era ed è quello di ingrossare le proprie casse ed ingrassare il nostro xxxx.
        E ti faccio notare che i più strenui sostenitori di DAZN sono stati Juve, Inter e Milan: le stesse della Superlega!!!!
        Se pensi sia un caso….

  4. Ho chiesto sopra ma non ho avuto risposta.
    La sperequazione tra zone rurali e cittadine è dovuta alla scarsa appetibilità economica di cablare le prime. Almeno credo.
    Ora, parlo per chi snocciola percentuali e denuncia mancanza di desiderio di richiedere servizi migliori per non voglia di pagarli la domanda è:
    Vi sembra corretto che un territorio sia penalizzato solo per la sua densità abitativa? Siete sicuri che non chiedere ultra fibra o quello che è sia una scelta di comodo e non un risparmio necessario in un budget familiare risicato?
    Vi ricordo che con la connessione veloce non si vedono solo le partite…

  5. MA COSA SIGNIFICA “GARANTIRE LA QUALITA’ COME PREVISTO DAL BANDO” ?
    forse la lega ha paura di diffidare e mettere in mora dazn? una lettera di quel tenore che non significa assolutamente nulla è una presa in giro nei confronti dei consumatori, abbonati, operatori del settore e soprattutto delle società che hanno partecipato alla trattativa per i diritti.
    nel mondo del calcio purtroppo se non si muove la magistratura ordinaria, possibilmente penale non succede nulla , è un’associazione a delinquere tra vecchi compari del gioco delle tre carte

Comments are closed.