Calò (CSS): “Per il rinnovo di De Rossi è ancora tutto aperto”

09/01/2012 - 14:21

(foto Getty Images)

SENTI CHI PARLA…ALLE RADIO – All’indomani della vittoria della Roma con il Chievo, sono tanti gli aspetti che saranno analizzati nelle varie emittenti radiofoniche capitoline: dalla prova maiuscola di Totti, tornato al gol dopo 7 mesi, alle dichiarazioni nel post-partita di De Rossi in merito suo futuro.  Tutti gli interventi della giornata sono raccolti nella nuova rubrica di Romanews.eu, “Senti chi parla…alle radio”, uno spazio in cui la nostra redazione raccoglierà (il giorno successivo alle gare giocate dalla Roma) le voci dei tifosi giallorossi e degli speaker intervenuti nelle diverse emittenti, per dire la propria opinione sui temi del giorno.

Ugo Trani a ReteSport:Adesso la Roma ha anche una continuità fisica. Al di là degli infortuni, hai comunque dei problemi però una buona continuità fisica. Con la Fiorentina puoi fare del turnover, però gente come Borini che ha avuto un infortunio muscolare, con questa temperatura bassa rischia. Guardiamo Rosi: non è stato convocato perchè aveva l’influenza. Luis Enrique ragiona così: sta attento ad ogni cosa“.

Federico Nisii a ReteSport:Con gli attaccanti rimasti puoi giocare solo in quel modo. Non illudiamoci: Osvaldo torna a metà marzo, non ci sono altre storie“.

Damascelli a Radio Radio:Non dovremmo parlare della Roma. Non è prima in classifica, non ha battuto una grande squadra. Su De Rossi ci sono tre squadre europee, due allenate da tecnici italiani ed una allenata da un tecnico che conosce il calcio italiano, altrimenti lo scenario per lui sarebbe molto più ridotto. Certi sorrisini sono superflui, inutili e infantili durante le interviste“.

Dario Bersani a Tele Radio Stereo:I tifosi ormai non dicono De Rossi, ma dicono Daniele. Questo testimonia il rapporto empatico che c’è tra il giocatore e la tifoseria“.

Max Tonetto a Tele Radio Stereo:Per la pressione mediatica che c’è lui non è uno che si isola. Vuole sapere il parere dei giornali e dei tifosi. E mi sorprende che riesce a fornire queste prestazioni nonostante tutto. Riesce a scindere le due cose“.

Luca a Rete Sport:Sono soddisfattissimo del gioco della Roma. Inizialmente non ero felice dell’arrivo di Luis Enrique ma mi sono dovuto ricredere“.

Maurizio a Rete Sport:Io ho notato che da quando è entrato in pianta stabile Lamela la squadra è cambiata tecnicamente, poi il rientro di Totti ha portato maggiore sicurezza. Luis Enrique è stato perfetto nella gestione della squadra“.

Massimo a Rete Sport:Secondo me se De Rossi vuole andar via non bisogna trattenerlo. Non è che se lui va via non si gioca più a calcio. Io vedrei bene Cigarini alla Roma. Secondo me è un giocatore da top club“.

Piero Torri a Tele Radio Stereo: “Come si fa a criticare Totti? Per tutto quello che ha fatto bisogna togliersi il cappello. La sua maglietta è stata una delle immagini della partite. L’altra è quella di James Pallotta, che con questa faccia da attore, possiamo dire che è stato più fortunato di DiBenedetto. Mi è piaciuto vedere 40mila persone allo stadio e soprattutto vedere il settore famiglia sempre più pieno. Bella l’iniziativa della Roma che ogni domenica manda allo stadio un giocatore. Ieri è toccato ad Osvaldo in versione Jonnhy Deep. Purtroppo la vittoria di ieri ti ha permesso di prendere tre punti solo alla Lazio visto che hanno vinto tutte“.

Pino Cerboni a Centro Suono Sport:Rosi sta sempre male mi pare. Sembra che non riesca a fare due partite consecutive. Si attacca sempre Juan, lui non sembra che stia meglio. Lo registro con dispiacere perchè è il migliore terzino che abbiamo. Comunque se ieri ci fosse stato un altro arbitro avremmo stravinto. Russo è proprio scarso. Secondo me, dovrebbe fare tutto meno che l’arbitro. Per quanto riguarda la Roma, mi sembra che abbiamo imboccato la strada giusta e quindi che ci si possa aspettare molto. L’unica cosa che non mi ha convinto è Bojan al centro dell’attacco. La squadra non ha assolutamente peso con lui in quella posizione“.

Jonathan Calò a Centro Suono Sport: “Su Roma-Chievo dico che è stata una partita che testimonia che la Roma ha preso la strada giusta, hai sbloccato la situazione su rigore, la Roma era anche in piccola emergenza ieri, sentire le parole di De Rossi e accoppiate a quelle di Baldini, penso che la partita è ancora aperta, tutto è ancora in ballo e questo è positivo, mi aspettavo che fossimo arrivati a un punto più avanzato“.

Scrivi il primo commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*