DA PINZOLO GLI INVIATI ZOTTI-PROSPERI. CONFERENZA STAMPA – Oggi è il turno di Yanga-Mbwa: il difensore giallorosso  1si presenta di fronte ai cronisti nella sala stampa del ritiro di Pinzolo per la conferenza stampa di rito. Ecco le sue dichiarazioni integrali.

YANGA-MBIWA IN CONFERENZA STAMPA

 Lo scorso non hai fatto il ritiro con la Roma. Come ti senti?
“La stagione è molto importante e il ritiro con la squadra è importante. Conosco i giocatori da settembre scorso e ora li conosco meglio. Siamo qui per allenarci e per creare unione tra di noi. Perché quando ci sarà un periodo difficile allora saremo più uniti”.

Rendimento buono lo scorso anno, poi il derby. Il gol ti ha dato più serenità?
“Più tranquillità no perché dobbiamo giocare tutte le partite così. Dobbiamo fare di tutto per segnare e vincere. Seguiamo la nostra strada.”

Conosci Dzeko, lo hai affrontato. Un giudizio tecnico sul bosniaco…
“Lui può giocare con il catenaccio italiano. E’ un grande giocatore e ha tutte le qualità per giocare in Italia. La squadra deve aiutarlo nell’integrazione, ma lui fortissimo”.

Cosa hai pensato dopo il derby, dopo l’aggressione?
“Il derby qui è molto importante. Siamo contenti di averlo vinto. Ha cambiato la mia vita. Ho visto qualche tifoso della Lazio che non era felice per il mio gol, ma non è pericoloso. Devono sapere che è una partita. Abbiamo giocato, ma non è bene colpire qualcuno. L’aggressione? Non mi ha mai fatto pensare di andar via da qui. La concorrenza fra le due squadre è molto forte.”

Avevi un contratto particolare, credevi di giocare 20 partite?
“Si ero fiducioso. C’è la squadra che mi ha aiutato a fare queste partite. Devo ringraziare l’allenatore e la squadra per aver fatto queste partite. Io sto bene alla Roma”.

Sei stato impiegato anche come terzino destro, ti piace come ruolo?
“Il mio posto preferito è difensore centrale, ma se c’è qualche problema posso giocare qualche partita da terzino”.

Sei arrivato che dovevi essere il quarto centrale. Ti senti titolare di questa squadra?
“Io devo allenarmi giorno dopo giorno per avere il mio posto. Devo trovare il livello per fare il possibile”.

Hai giocato in Francia e in Inghilterra, come ti sembra il calcio italiano?
“Il livello del calciato italiano sta tornando più alto, basta vedere la finale della Juve in Champions. Ora molti giocatori forti vengono in Italia, quindi si sta alzando il livello”.

Cosa ti è mancato lo scorso anno?
“Due anni fa non ho giocato e lo scorso anno ho giocato molte partite. Nella stagione c’è l’affaticamento e molte cose che portano giù la forza fisica. Ora lo so e devo fare attenzione a queste cose per fare bene tutta la stagione”.

Il tuo rapporto con Castan?
“Ho visto qualche partita di Leo, lui è fortissimo e rientra adesso. Deve lavorare per ritrovare il suo livello. Tutta la squadra lo aiuterà a tornare velocemente. Abbiamo tutte le carte in regola per iniziare al massimo la stagione”.

(fine)

ROMANEWS.EU SEGUE LA CONFERENZA IN TEMPO REALE