9 Novembre 2022

Sassuolo-Roma, le pagelle: Rui Patricio fa Spiderman, Abraham ruggito spezzato. Shomurodov spreca

Foto Tedeschi

L’illusione dei tre punti al Mapei dura poco, perchè il Sassuolo risponde alla tanto sudata rete della Roma. Sotto i canti incessanti del settore ospiti giallorosso, però, è Rui Patricio a tenere su la squadra con interventi importanti. Gli uomini di Mou provano a rendersi pericolosi con le iniziative di Volpato e di Zaniolo, ma il gol arriva nei minuti finali con il ritrovato Tammy Abraham, che dalla panchina entra e ruggisce. Bellissima la scena dell’abbraccio collettivo con la panchina dopo il gol. Bene Matic, che sbriga pratiche a centrocampo, meno bene del solito invece Smalling, che paga cara l’unica disattenzione difensiva. La prima da titolare di Shomurodov non è da incorniciare, si adatta al ‘trend’ della squadra e si divora un paio di occasioni.

Le pagelle

Rui Patricio 7: Vola sul tiro di Frattesi dopo appena un quarto d’ora. Poi si veste da Spiderman, è ovunque. Bravissimo a chiudere lo specchio a Pinamonti e a distendersi su D’Andrea. Lo si vede sbraitare un po’ con i compagni, perché ha capito l’aria che tira, visto che da fuori arriva più di qualche grattacapo. Miracoloso su Traorè in uscita. Neutralizza ogni pericolo, sfiora pure il missile di Pinamonti da distanza ravvicinata.

Mancini 6: Dalle sue parti transitano pochi pericoli, fino a che non rischia almeno due volte su Laurientè. Prova a pungere di testa, non gli riesce. Molto meglio in chiave assistman, con una pennellata trova la cresta bionda di Abraham. Questo gli vale mezzo voto in più.

Smalling 5: Dà del filo da torcere a Pinamonti e nel primo tempo non gli fa vedere mai il pallone. Si immola su un tiro da fuori, neanche a dirlo, di Lopez. Si perde però lo stesso Pinamonti un’unica volta, che si rivela fatale.

Ibañez 5,5: Deve spazzare via più di qualche pensiero. È ordinato, fa il suo senza eccessi, resta nella sua comfort zone, con un paio di belle letture nel secondo tempo.

Celik 5,5: Cerca Shomurodov a più riprese, senza successo. E’ bravo in fase di copertura, meno in quella di impostazione. (Dal 64′ Karsdorp 5: Subito spazza via un pallone velenoso in area, ma fatica con Mancini su Laurientè, che mette un pallone decisivo a Pinamoniti.

Cristante 6: Dimostra di avere ancora fiato, e soprattutto lucidità, calibra bene i primi lanci lunghi. E limita una ripartenza di Frattesi potenzialmente pericolosa. Prende un giallo, magari evitabile.

Matic 6,5: Ordinato, preciso, dà una sensazione di stabilità. Si fa aggirare da D’Andrea in una situazione pericolosa, ma è praticamente l’unica sbavatura del suo primo tempo. Nella ripresa uno splendido corridoio per Zaniolo, che non aggancia per poco.

Zalewski 5: Qualche errore tecnico di troppo, poi aggiusta il bavero e inizia a far pressione efficace agli avversari. Splendida la palla di prima di 30 metri per Shomurodov che va a tu per tu con Consigli. Un missile di prima gli vale quasi il primo gol con la Roma. Nella ripresa, tornano le imprecisioni tecniche. (Dal 64′ El Shaarawy 5: Fa respirare Nicola, ma la cresta resta bassa.)

Volpato 5,5: Fa capire subito di che pasta è fatto, ruba palla sulla trequarti della Roma e lancia benissimo Shomurodov. Poi si accende a intermittenza in campo, con personalità e spirito di iniziativa. Bello il corridoio centrale per Abraham, non sfruttato. (Dal 72′ Bove SV: Prova una girata di testa, ma non è efficace.).

Zaniolo 6: Gioca libero a destra e sinistra, e offre il piatto forte della casa. Strappa dove può, si presta anche nel pressing. Prende un giallo per animate proteste su un fallo che, va detto, era netto. Parte all’arrembaggio con Shomurodov, che non chiude l’uno-due. Si dispera quando, dopo un altro suo assist, Eldor trova ancora il portiere. (Dal 78′ Belotti SV: Prova un assolo contro tre del Sassuolo, sbatte contro un muro.

Shomurodov 5: Con l’emozione della prima da titolare, Eldor aggiusta il papillon e prova a far meglio dei compagni di reparto in panchina. Spreca però la prima palla, interessante, di Volpato. E si ripete sulla cavalcata di Zaniolo, sparando sui piedi di Consigli. Copia e incolla pochi minuti dopo. Il duello si rinnova anche fuori area, ma lo vince ancora il portiere neroverde. Gli manca sicuramente il killer instinct. (Dal 64′ Abraham 6,5: Il grande escluso della serata, la panchina però gli fa bene, perchè in un momento complicato, per lui e per la squadra, gonfia la rete e si prende l’abbraccio di tutta la panchina, che si riversa su di lui in un bellissimo abbraccio. Galvanizzato, lo si vede anche in difesa a ruggire su ogni palla.).

Mourinho 5: La gestione di Abraham è giusta, perchè l’inglese parte dalla panchina e quando entra trova la via del gol. MA la Roma porta gli stessi problemi di sempre, solo che in queste ultime uscite è difettosa anche in fase di costruzione, e le occasioni create non vengono capitalizzate.

M. Teresa Tonazzi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

4 commenti

  1. Newthor ha detto:

    Decisivo l’ingresso di Karsdorp.
    Per il Sassuolo.
    🤬💩

  2. Vincent Vega ha detto:

    Fanno pena, prestazione inguardabile. Lenti impacciati, sempre in ritardo, mai un’idea. Stanno sotto a un treno. Comunque quelli “mettiamo Shomurodov, mettiamo El Shaarawy, mettiamo Belotti” ecc. ecc. si spera abbiano capito.

  3. gerlando ha detto:

    Patrizio 7
    Mancini 6
    Smalling 5
    Ibanez 6
    Celik 5.5
    Cristante 5.5
    Matic 6
    Zalewsky 5
    Volpato 5.5
    Zaniolo 5.5
    Shomurodov 5

    Kardorps 5
    Abraham 6.5
    ElSha 5
    Belotti sv
    Bove sv

    Mourinho 5

  4. Marco65 ha detto:

    Lentezza imbarazzante Matic e Cristante non possono giocare insieme, abbiamo comunque cercato di giocare in avanti, contenuto il sassuolo cercato di offendere con poche idee ma con costanza si è visto anche una sorta di pressing organizzato ma i nostri limiti sono evidenti: manchiamo di rapidità l’unico che ha cercato qualcosa è stato Volpato e il solito Zaniolo apparso un po’ sottotono ma sempre il più pericoloso. Squadra con evidenti limiti dinamici è dovuto andare Mancini sulla fascia per produrre il primo cross decente dall’inizio del campionato e Abraham puntualmente ha segnato.