9 Novembre 2022

Matic e Frattesi a chilometraggio parallelo e con la Roma nel destino

Sassuolo-Roma, faccia a faccia tra Frattesi e Matic. Due centrocampisti che sono stati vicini ad essere compagni di squadra in estate

Rush finale per la Roma prima di tirare il fiato nella sosta Mondiale. Dopo il ko nel derby, la squadra di Mou ha bisogno di uno scatto di reni, in chiave classifica ma anche per risollevare gli animi. I giallorossi sono attesi al Mapei Stadium dal Sassuolo nel turno infrasettimanale, alle 18.30. I neroverdi sono al momento al 13esimo posto in classifica e vengono da due ko consecutivi, ma hanno comunque grandi individualità. Tra questi Davide Frattesi, vecchia conoscenza della Roma. Il giovane centrocampista sarà a tu per tu con l’esperienza di Matic.

Roma, Nemanja Matic

Il suo ingresso è stato determinante contro il Verona. Con una classe innata, Nemanja Matic ha messo a sedere la difesa veneta e consegnato a Volpato il pallone del 2-1 (per Cristian è un grande punto di riferimento). Un’azione da ‘joga bonito’, la sua, che si è rivelata decisiva. Non ha ancora trovato la via del gol nelle sue 7 occasioni collezionate in 13 presenze,  ma è abile a mettere ordine al centrocampo. Preciso nei passaggi (86%), molti di questi sono risolutivi (6 chiave). Difficile strappargli via la palla (solo 4 persi), ma al contrario il serbo si fa sentire anche in fase di copertura e non solo di impostazione (63 palloni recuperati). Voluto fortemente da Mourinho, l’ex United, ufficialmente il primo acquisto estivo, ha desiderato la Roma con lo stesso ardore, tanto da aver rifiutato altre proposte, come da lui stesso rivelato nella conferenza stampa di presentazione. E ha ‘rischiato’ di avere come compagno di banco Davide Frattesi, con il quale condivide un dato in particolare.

Sassuolo, Davide Frattesi

Con il serbo classe ’88, Davide Frattesi condivide la media km a partita (9), ma, come è noto, avrebbe potuto condividere anche Trigoria. Il calciatore romano si è esposto e ha svelato di sognare un ritorno nella Capitale, dove ha militato nelle Giovanili (2014-17). Sembrava veramente ad un passo dallo sbarco, ma qualcosa si è inceppato, e il 23enne è rimasto con il neroverde addosso. Il mercato, però, dal punto di vista numerico non ha inciso, visto che il numero 16 conta 4 gol in 13 presenze. Crea spesso scompiglio nelle difese altrui: 14 tiri in porta, 11 occasioni da rete e 11 passaggi chiave. E’ meno preciso di Nemanja (76% di passaggi riusciti), e in fase difensiva meno efficace (16 palloni persi, 46 recuperati). Chissà cosa accadrà a tutti questi numeri quando ritroverà al Mapei la ‘sua’ Roma. E se vivrà qualche attimo da sliding doors. Lo scopriremo presto.

M. Teresa Tonazzi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.