Sassuolo, la classifica non luccica e il finale di gara è sempre un ‘brivido’

Teresa Tonazzi
17/03/2024 - 14:40

Sassuolo, la classifica non luccica e il finale di gara è sempre un ‘brivido’

SASSUOLO ROMA AVVERSARIA – “Così sono partito per un lungo viaggio”, la Roma è reduce da una trasferta in Inghilterra, valsa i quarti di coppa, e pochi giorni dopo apre le porte dell’Olimpico al Sassuolo. I giallorossi in campionato vengono una striscia positiva e all’orizzonte prende forma sempre più nitidamente il confine della zona Champions. Vincere contro i neroverdi vorrebbe dire compiere un passo importante in quella direzione.

Sassuolo penultimo e quanti gol nel finale

Il Sassuolo ad oggi si trova penultimo in classifica. Seppure i neroverdi abbiano riservato ad alcune big hanno un tiro mancino, vedasi il 4-2 alla Juve e il 2-1 all’Inter a San Siro, contro le big di Serie A il rendimento è tutt’altro che ottimale: in 10 gare 4 ko in casa e 4 in trasferta, oltre alle due vittorie già citate. A Reggio Emilia, all’andata, era passata la Roma 2-1, e i neroverdi hanno la tendenza a prendere quasi sempre almeno due gol (ad eccezione dell’1-0 subìto dal Milan) da una ‘grande’ del campionato. L’esempio più recente è il dilagante 6-1 incassato dal Napoli.

In generale, in 28 giornate, più della metà sono state sconfitte (17). Tanti volti conosciuti dalle parti di Trigoria hanno transitato, e transitano tutt’ora, a Reggio Emilia, come ad esempio Matias Viña (ora al Flamengo). E ancora, i giovani Cristian Volpato e Filippo Missori, e di recente anche Marash Kumbulla, trasferitosi nella finestra invernale di mercato.

Punti di forza e debolezze

Il Sassuolo resta una squadra vivace, che sa come muovere il pallone, ma la mira è da aggiustare. In 269 occasioni da gol solo 33 sono finite sul tabellone (inclusi 6 rigori). Il tasso di realizzazione è fermo al 9%. I neroverdi partono forte, la concentrazione più alta di reti arriva nei primi 15 minuti e, in generale, nel primo tempo. Sono infatti 20 i centri in totale nella frazione iniziale di gara. Berardi e Pinamonti, entrambi a quota 9 in stagione, sono gli attuali capocannonieri della rosa.

Occhio sempre ai corner, dove il Sassuolo si rifugia spesso: sesto in Serie A per tiri dalla bandierina (146), mentre la Roma, che dei calci piazzati ha spesso fatto una risorsa, è ferma al 18esimo posto (117). Il tasto dolente resta la fase difensiva, 65 gol subìti, di cui 6 su calcio di rigore. Va detto l’ultimo quarto d’ora di gara è il momento in cui i neroverdi hanno subìto più reti (16) rispetto alle altre frazioni di gara, proprio nei giri di lancette in cui invece la Roma fa più paura, con ben 18 gol a referto. Quel ‘pazzo’ momento in cui abbiamo capito che tutto può succedere.

La rosa

PORTIERI

  • 25 Gianluca Pegolo
  • 28 Alessio Cragno
  • 33 Daniel Theiner
  • 34 Alessandro Scacchetti
  • 47 Andrea Consigli

DIFENSORI

  • 2 Filippo Missori
  • 3 Marcus Pedersen (NOR)
  • 5 Martin Erlic (CRO)
  • 13 Gian Marco Ferrari
  • 19 Marash Kumbulla (ALB)
  • 21 Mattia Viti
  • 22 Jeremy Toljan (GER)
  • 44 Ruan Tressoldi (BRA)
  • 43 Josh Doig (SCO)

CENTROCAMPISTI

  • 6 Uros Racic (SER)
  • 32 Giuseppe Leone
  • 7 Matheus Henrique (BRA)
  • 11 Nedim Bajrami (ALB)
  • 14 Pedro Obiang (GU.EQ)
  • 20 Samu Castillejo (SPA)
  • 24 Daniel Boloca (Romania)
  • 35 Luca Lipani
  • 42 Kristian Thorstvedt (NOR)

ATTACCANTI

  • 8 Samuele Mulattieri
  • 9 Andrea Pinamonti
  • 23 Cristian Volpato
  • 10 Domenico Berardi
  • 31 Flavio Russo
  • 15 Emil Ceïde (NOR)
  • 45 Armand Laurienté (FRA)
  • 92 Grégoire Defrel (FRA)

La formazione tipo

SASSUOLO (4-3-3): Consigli; Toljan, Erlic, Tressoldi, Viña; Matheus Enrique, Maxime Lopez, Bajrami; Berardi, Pinamonti, Laurienté. 
All. Ballardini

M.Teresa Tonazzi

Scrivi il primo commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Seguici in diretta su Twitch!

Leggi anche...