Foto Tedeschi

BODO GLIMT ROMA – Dopo i sei gol presi dal Bodo/Glimt, José Mourinho si è trovato davanti a un bivio: difendere la squadra o difendere la propria reputazione. Ha scelto la reputazione, scrive repubblica.it. Nel post partita prima ha scaricato su se stesso la responsabilità e poi ha ammesso i limiti tecnici di una grossa fetta di rosa giallorossa. Dove porta questa strategia? Non solo a salvare l’apparenza. Mourinho ha scelto la Roma per i prossimi tre anni e lo ha ribadito anche pochi giorni fa allontanando le voci sul Newcastle. Ma nella sua testa, al terzo anno, la Roma deve essere competitiva per vincere. E per riuscirci deve convincere la famiglia Friedkin a rivoluzionare l’organico, intervenendo già a gennaio. E per farlo non ha usato mezze misure, ricorrendo anche all’eliminazione vera e propria di diversi componenti della Roma attuale che, molto probabilmente, non vedremo più indossare la maglia giallorossa.

Leggi anche:
MOURINHO COME 12 ANNI FA: “ORA CAPITE PERCHE’ GIOCO SEMPRE CON GLI STESSI?”

7 Commenti

  1. fa benissimo, questi americani hanno rotto, basta business è ora di attrezzare una squadra che si possa chiamare tale, ma poco ci credo

  2. Innanzitutto le seconde linee hanno perso 2-1. Nel 2o tempo con Cristante, Abraham, Pellegrini, ecc abbiamo perso 4-0, quindi il discorso non sta proprio in piedi.
    Poi se vogliamo far credere che giocatori come Diawara e Kumbulla, che non sono fenomeni ma comunque giocano nelle proprie rispettive nazionali, o Under21 di Spagna e Italia come Villar e Colafiori, siano così scarsi da non poter fare nemmeno la Conference, allora si prendono in giro i tifosi.
    Partita preparata MALISSIMO da Mr.Mourinho. Punto.
    Panchina gestita in questi mesi come peggio non si poteva da Mr.Mourinho. Punto.
    Se gli faceva così schifo questa rosa, poteva fare a meno di firmare per la Roma. Nessuno lo ha obbligato.

    • non sono daccordo, mourinho ha dato una chance a chi non aveva giocato …
      Reynolds ha provato, ma proprio non ce la fà.
      Kumbulla spettatore non pagante guardava gli avversari che si passavano la palla e non riusciva neanche a stargli dietro.
      Calafiori impaurito dal numero 9 norvegese quasi si spostava.
      praticamente 3/4 della difesa inesistente e troppo giovane per reagire.
      in attacco puoi avere anche Messi , ma se non hai difesa 10 goal li prendi lo stesso.
      Colpa di Mourinho !? si certo lui se la prende,ma secondo me ha mandato un segnale ai giocatori … che rifiutano tutte le destinazioni .
      dovete accettare le destinazioni che vi si offrono perchè qui non fà per voi.
      Sempre forza Roma

  3. Per intanto: a gennaio uno Xhaka/Zakaria, e un sostituto di Karsdorp all’altezza (non un campione, ma almeno qualcuno al livello di Vina a sinistra).
    Via Reynolds e almeno uno tra Villar e Diawara (alla peggio anche entrambi).
    Però sinceramente sono d’accordo che ieri non devi perdere 6-1. nemmeno con le riserve (che hanno fatto un parziale di 2-1, comunque meglio di un’umiliazione)

  4. Qui a Roma per molti anni anche l’Europa League è stata considerata un fastidioso peso. Figuriamoci la Conference League. La partita di ieri è stata presa come una scocciante gita turistica non richiesta e la squadra è entrata in campo senza motivazioni. A questo si è aggiunto il fatto che molte riserve sono in stato confusionale e che nel secondo tempo Mourinho ha fatto cambi senza capo né coda esponendo la squadra al pubblico ludibrio. Strategia per dare una mossa al mercato di gennaio? Può anche darsi, ma sul piano emotivo sarà difficile gestire le conseguenze di questa zuppa.

Comments are closed.