SALERNITANA ROMA INTERVISTE MOURINHO – Tutte le dichiarazioni del tecnico giallorosso, José Mourinho, in occasione di Salernitana-Roma, match valido per la 2° giornata di Serie A.

Josè Mourinho a DAZN

Abbiamo sentito Pellegrini che ha detto che la chiave è stata non innervosirsi anche grazie alle parole di Mourinho
“Era impossibile non vincere. Dal primo minuto ho avuto delle sensazioni di tranquillità. La squadra giocava bene. Ho detto a loro che con la Fiorentina era 1-0 per noi ed ero preoccupato. Oggi molto tranquillo. La squadra ha dominato tutta la partita. Abbiamo giocato alto e pressato senza dare niente. Per loro solo un’occasione da rimessa laterale. Abbiamo fatto inserimenti, cercato la profondità e delle dinamiche che abbiamo allenato ieri. La squadra ha giocato molto bene. Sono contento che ho fatto arrivare questo messaggio”.

Parlavi di preoccupazione, la mia sensazione è che tu non sei mai stato preoccupato da quando sei a Roma. Avevi la tranquillità di portare questa squadra dove aveva bisogno. Ora date la sensazione di sapere cosa fare e quando farlo. Qual è la tua sensazione dopo due mesi?
“Io sono arrivato felice. Ero felice di tornare in Italia con veri tifosi con gente che sente la passione. In Italia la gente è speciale per i suoi club. Avevo anche io bisogno di tornare a sentire questo tipo di sensazioni. Posso dire che la parola chiave dei Friedkin per me è stato tempo. Questo porta tranquillità. Io però non voglio troppo tempo. Finire 7/8 non lo voglio. Voglio accelerare il processo. Quando guardo la panchina mi piacerebbe avere più esperienza. Abbiamo bisogno di una rosa. Ci sono molto più ricche della nostra. Mi fa piacere lavorare con questa gente. Giocheremo per vincere anche contro le più forti. Magari qualcuna la perderemo. Non voglio però cambiare mai la mentalità. A poco a poco.

Buonasera mister. Questa voglia di vincere la si vede nelle transizioni negative. La squadra è pronta anche a sdraiarsi per non far segnare l’avversario. Cristante è un grande equilibratore, lui anche dopo l’Europeo può crescere.
“La squadra sta bene e Cristante anche. Difficile che i giocatori stanno bene quando squadra non sta bene e squadra che sta bene quando i giocatori no. Sapevamo che la loro costruzione è larga e per noi era importante Cristante lì così come Ibanez e Mancini. Dopo 1-0 e 2-0 Cristante si è liberato di più e appoggiava a destra e sinistra. La squadra ha interpretato bene i momenti della partita.”

La Serie A ha perso grandi giocatori ma ha ritrovato grandi allenatori. Siete voi i top player che faranno la differenza?
“I giocatori sono più importanti di noi. Senza di loro è difficile. Sono contento di tornare, la mia generazione siamo tutti. Aspetto don Claudio, magari Antonio ma siamo tanti. Luciano è tornato, Max e io siamo tornati così come Sarri. Questo è bello anche per la nuova generazione che ha idee positive. I giocatori sono però più importanti di noi”.

2 Commenti

  1. “Voglio accelerare il processo”….Mou sente già l’odore del sangue…. più vicino del previsto…. mamma mia!!!
    Dita super incrociate, piedi per terra ma nulla è precluso, niente è vietato!
    FORZA MAGICA ROMA!
    UNICO GRANDE AMORE!!!💛❤🇮🇹🔝🟢⚪🔴

    • Ahiahiai…calma e gesso! Mou dice anche che vorrebbe più esperienza in panchina…Gli dessero quello che chiede e possiamo sperare!

Comments are closed.