Foto Tedeschi

ROMA ZORYA SMALLING SAYYADMANESH – “Giochiamo la Conference per vincerla”, parole e musica di Jordan Veretout alla vigilia del match. La Roma al momento è seconda nel suo girone, dietro al Bodo, dopo un paio di risultati poco felici proprio contro i norvegesi. La strada che porta al primato della sua classifica passa però dall’Olimpico, domani alle 21 contro lo Zorya. L’ha anticipato Mourinho stesso, Chris Smalling ritornerà titolare, e avrà subito il compito di arginare Allahyar Sayyadmanesh.

Leggi anche:
Mourinho: “Domani una finale, Zaniolo e Abraham giocheranno dall’inizio” (VIDEO)

Roma, Chris Smalling

“Erase and rewind”, recitava una famosa canzone. Letteralmente, cancella e torna indietro. E Chris Smalling ora ha l’opportunità di farlo. L’inglese dopo circa due mesi torna a vestire la maglia da titolare, potendo così iniziare a lasciarsi alle spalle l’incubo infortuni che l’ha attanagliato praticamente da quando ha ritrovato la Roma. L’ex Manchester non è riuscito a trovare continuità, visti gli stop continui, tuttavia da adesso ha l’opportunità di tornare alle origini, ovvero a vestire il ruolo di leader della difesa. Quest’anno sette presenze in totale con i giallorossi, dal 1’ solo in coppa, proprio contro lo Zorya. Gli ucraini sembrano una sorta di amuleto, visto che l’unico gol segnato al momento in stagione l’ha collezionato nel 3-0 della gara d’andata (le altre reti di Abraham ed Elsha). Il recente problema alla coscia l’ha poi tenuto ai box buona parte di questa prima frazione di annata. E allora il centrale riparte dall’Olimpico, tra le mura amiche, dove i giallorossi non hanno mai perso in Conference sino ad ora. E per riaffermare la proprio autorità, al numero 6 e compagni il compito di neutralizzare l’offensiva avversaria, a partire da Allahyar Sayyadmanesh.

Leggi anche:
Roma in campo contro la violenza sulle donne: domani con lo Zorya una patch speciale (FOTO)

Zorya, Allahyar Sayyadmanesh

Mourinho l’ha sottolineato in conferenza, lo Zorya è stato analizzato e studiato, nelle dinamiche, nell’allenatore e nei giocatori. E probabilmente i giallorossi avranno cerchiato di rosso un potenziale pericolo, ovvero Allahyar Sayyadmanesh. Il classe 2001 iraniano in coppa ha già segnato 2 gol in 4 partite, ed è attualmente il capocannoniere degli ucraini, a quota 6 gol in campionato (8 in totale). Ed è anche il miglior assistman, a fronte dei 4 passaggi vincenti serviti ai compagni. Il 20enne arrivato dal Fenerbahce è una punta centrale, ma è versatile, perché può essere schierato come ala sia a destra che a sinistra. All’andata contro la Roma era presente, ma ha lasciato il campo a metà del secondo tempo, in una gara dura per gli ucraini, dove non è riuscito ad incidere. Ci riproverà domani, visto che lo Zorya è a -1 proprio dalla squadra di Mourinho e farà il possibile per passare il turno. Così come la squadra capitolina, che in Conference ha una particolare voglia di rivalsa, e proprio per questo sta affilando le sue armi migliori.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here