Foto Tedeschi

ROMA ZANIOLO MULTA – Gli strascichi del derby tra Roma e Lazio rischiano di andare oltre il fischio finale per Zaniolo. Il numero 22 è stato immortalato mentre lasciava il campo effettuando un gesto volgare nei confronti dei tifosi biancocelesti, che nel corso della partita lo hanno preso di mira con cori di insulto rivolti alla madre e che già in passato gli avevano dedicato alcuni striscioni di pessimo gusto.

Leggi anche:
Gesto Zaniolo, il rischio è la squalifica. Ecco come è andata nei casi precedenti

Ecco cosa rischia Zaniolo

Appare difficile (ma non impossibile) che si arrivi ad un turno di squalifica, anche perché difficilmente la quaterna arbitrale può aver visto il gesto per poi metterlo a referto, scrive Il Tempo. Il destino del classe 1999, come abbiamo approfondito su Romanews.eu, dovrebbe ricalcare quello di molti episodi simili del passato – ad esempio quelli di Conte e Calabria – tutti puniti con multa dopo l’apertura di un procedimento. Inoltre è freschissima la vicenda di Esposito, per cui, dopo l’esultanza effettuata in Reggina-Spal non si è arrivati ad un immediato turno di stop, con un procedimento per condotta antisportiva.

2 Commenti

  1. Si sanziona Zaniolo (addirittura lo si crocifigge a livello mediatico) per la reazione ma NON il tifo che l’ha provocata. E’ come dire che, se insultassi qualcuno non verrei punito ma colui che reagisce schiaffeggiandomi sì. Complimenti a tutti. Specialmente alla nota e integerrima Giustizia Sportiva.

Comments are closed.