22 Gennaio 2023

Roma, serietà al potere e un calcio a chi gli strappi li dovrebbe fare in campo

La Roma s'impone al Picco stendendo 2-0 lo Spezia mai pericoloso. Per la squadra di Mourinho, a segno con El Shaarawy al 45mo e Abraham al 49mo, si tratta di una vittoria fondamentale nella corsa al quarto posto orfana della Juve, che la vede ora agganciata all'Inter terza a quota 37 punti.

Foto Tedeschi

romanews-roma-bodoglimt-olimpico-gol-elshaarawy

La prima partita dopo la deflagrazione della grana Zaniolo, per un curioso scherzo del destino si gioca proprio nella città d’adozione dell’attaccante separato in casa, nato a Massa ma cresciuto a La Spezia. Il contratto in scadenza nel 2024, la scarsa voglia di aver pazienza se qualche fischio pure arriva dagli spalti, l’allergia alle critiche e qualche chiamata di quelle che ci vuol poco a ingolosire, hanno fatalmente fatto precipitare la situazione.

La Roma risponde presente con lo Spezia

Ma la Roma non ha tempo per leccarsi le ferite. I 15 punti di penalizzazione piovuti sul groppone della Juventus per il caso plusvalenze, spalancano una corsia preferenziale nella corsa al quarto posto. Un altro test dunque per la squadra di Mou chiamata, dopo lo strappo del numero 22, a dare prova di unità, coesione e resilienza. La banda giallorossa risponde presente e, soprattutto, presente bene.

Al “Picco” è a lungo padrona del campo, ma senza trovare la via per scardinare la difesa dei liguri, come diverse volte è accaduto in questo campionato. Nel primo tempo riesce a tirare in porta soltanto El Shaarawy, premiato però poco prima dell’intervallo con il gol alla sua seconda conclusione nello specchio grazie a una grande combinazione Abraham-Dybala. Nella ripresa è Abraham a congelare il risultato con una grande rete ancora su assist di Dybala. così la Roma supera brillantemente l’esame Spezia

L’attacco dei ragazzi seri di Mourinho

Da una parte il Faraone con i suoi 51 gol in maglia giallorossa in 207 presenze, dall’altra Tammy, 33 segnature in 78 partite. In mezzo un certo campione del mondo di nazionalità argentina che oltre a 10 gol ha già confezionato 4 assist, di cui due proprio contro lo Spezia. E se la ‘Joya’ non segna stavolta, ma prende in mano la squadra e ispira i giallorossi con un doppio assist, a beneficiare dell’assenza di Zaniolo è proprio El Shaarawy, condizioni fisiche permettendo, che può tornare sottoporta dove riesce ad essere più incisivo rispetto a quando gioca da laterale a tutta a fascia.

Numeri insomma che potrebbero anche dare alla testa, ma non se dietro una cresta, una treccina o un ciuffo ci sono ragazzi seri, professionisti, insomma uomini e non caporali citando l’immenso Totò. Quelli che mettono gli interessi del collettivo davanti gli interessi individuali.

GSpin

SEGUI ROMANEWS ANCHE SU TWITTER

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

3 commenti

  1. Newthor ha detto:

    Ben detto e ben scritto 👍
    Complimenti a chi ha redatto l’articolo

  2. Itti54 ha detto:

    Brava, sintesi precisa e obbiettiva del presente e spero del futuro della nostrab amata.

  3. Fab ha detto:

    Condivido in pieno abbiamo bisogno di Professionisti e Uomini seri non di Bambinoni Capricciosi