2 Settembre 2023

Roma, saranno 11 i giocatori impegnati con le rispettive nazionali

Getty Images

Paredes Pellegrini

ROMA CONVOCATI NAZIONALI – Dopo l’inizio di campionato non esaltante, con un solo punto nelle prime tre partite, la Roma avrà la sosta a disposizione per cercare di ripartire al meglio contro l’Empoli. Tuttavia, Josè Mourinho dovrà rinunciare ad 11 calciatori che saranno impegnati con le rispettive nazionali.

Oltre ai 4 azzurri Spinazzola, Cristante, Mancini e Pellegrini, convocati anche Paredes con la nazionale Argentina, N’Dicka con la Costa D’Avorio e il nuovo acquisto Lukaku con il Belgio. Lo Special One non avrà a Trigoria neanche Rui Patricio, impegnato con il Portogallo e Zalewski con la Polonia. Rimane invece nella capitale Paulo Dybala, così come potrebbe restare Aouar dopo l’infortunio contro il Milan. Convocato invece Celik con la Turchia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 commenti

  1. 1706 ha detto:

    Questo calcio senza preparazione, col mercato aperto fino alla terza di campionato e’ un casino dal punto di vista organizzativo. Ora le societa’ dovrebbero fare la preparazione, impostare il lavoro per la stagione e invece si trovano a fare lavoro con pochi giocatori causa nazionali, poi tornarno e si inizia con una partita ogni 3 giorni fino a Natale. Cosi’ lo spettacolo sara’ sempre piu’ brutto e non solo quello della Roma ma di tutte le squadre.

  2. Niko ha detto:

    È già un calvario oggi con la rosa “al completo ” ovviamente al netto degli infortunati quotidiani … figuratevi quando metà della rosa sarà in giro per il mondo….che delirio…

  3. Toninho Cerezo (exMaxP) ha detto:

    11 nazionali? me sa che ve sbajate… i giocatori della Roma so tutte da campionato d’eccellenza. Me sa che gli allenatori de ste nazionali capiscono poco de calcio. Dovrebbero ascoltare di più i commentatori delle radio romane o perdere un po’ de tempo a leggere i suggerimenti dei commentatori sul web. Loro si che ne capiscono de pallone. Tutti gli anni vingono il trofeo delle chiacchiere.