romanews-roma-paulo-fonseca-tuta-olimpico-juventus
Foto Tedeschi

ROMA SAMPDORIA TIKI TATTICA – Dopo la mini-pausa natalizia, la Roma torna in campo: domani alle 15, affronta la Sampdoria nel match valido per la 15° giornata di Serie A. La squadra di Fonseca cerca la vittoria per blindare il terzo posto e scacciare i fantasmi della ‘crisi d’inverno’ dello scorso anno.

Gli schieramenti

Fonseca perde Pedro e Calafiori, oltre a Spinazzola e Mirante già out prima dello stop. Il tecnico portoghese conferma il 3-4-2-1 con la difesa titolare composta da Ibañez, Smalling e Mancini. Sugli esterni Karsdorp e Bruno Peres con Villar e Veretout al centro. A sostegno di Edin Dzeko ci saranno Pellegrini e Mkhitaryan.

Ranieri conferma il classico 4-4-1-1. Al centro Tonelli e Yoshida si giocano una maglia da titolare al fianco di Colley con Augello a sinistra a completare il pacchetto arretrato a protezione della porta di Audero. A centrocampo Adrien Silva agirà insieme a Ekdal con Candreva e Jankto sulle corsie laterali. In attacco, con Keita Balde squalificato, Quagliarella verrà innescato da Verre, favorito su Gaston Ramirez.

La chiave

Rispetto alle filosofie di gioco di molti allenatori moderni, l’idea che Ranieri ha imposto ai suoi è forse meno innovativa ma molto chiara e definita: creare molta densità offensiva e puntare molto su sovrapposizioni e soprattutto le transizioni offensive. Come può, quindi, la Roma di Fonseca trovare la chiave giusta per battere i blucerchiati? La densità offensiva porta la squadra di Ranieri a concedere la profondità e soprattutto la rinuncia totale di giocare dal basso può concedere tanto possesso agli uomini di Fonseca che con le loro qualità possono trovare la giocata giusta per far male alla Samp. Inoltre, sarà fondamentale tenere un ritmo alto sulla mediana, dove Adrien Silva ed Ekdal non garantiscono di certo dinamismo e velocità.