17 Settembre 2022

Roma, Pellegrini si sblocca: quel gol che scaccia i brutti pensieri

Il numero 7 rimane sempre uno dei fedelissimi dello Special One, a prescindere dal numero dei gol segnati

Foto Tedeschi

Lorenzo Pellegrini non aveva ancora trovato la via del gol in questa stagione, nonostante diversi tentativi effettuati nelle scorse partite. Alla fine la rete è arrivata, in una cornice come quella dell’Olimpico, su assist di Nicolò Zaniolo in Europa League. Il capitano della Roma si è sbloccato e ora vuole continuare su questa strada.

Roma, il dubbio di Mourinho su Pellegrini

Un gol per scacciare via tutti i pensieri, scrive il Corriere della Sera. Tra le notizie positive della vittoria romanista contro l’HJK Helsinki c’è (anche) il ritorno alla rete di Pellegrini. Il gol contro i finlandesi ha riportato un po’ di serenità, per il giocatore insieme a Zaniolo più importante nello scacchiere tattico di Mourinho.

Proprio il ritorno ad alti livelli del numero 22, infatti, dà al tecnico portoghese la possibilità di ritornare alla formazione che lui stesso ha indicato come esempio da seguire in questa stagione: quella che ha affrontato nel precampionato il Tottenham in amichevole, con i quattro tenori tutti in campo contemporaneamente.

Il dubbio di Mou è questo: arretrare Pellegrini sulla linea dei centrocampisti per dare spazio a Zaniolo e Dybala dietro ad Abraham (che all’Olimpico non segna addirittura da 6 mesi, dalla doppietta nel derby del 20 marzo) o continuare con Matic e Cristante davanti alla difesa, rinunciando a uno tra Zaniolo, il capitano o Dybala? Da come ha parlato prima della gara con l’HJK Helsinki (“Pellegrini è importante per la squadra in qualsiasi ruolo viene utilizzato“), lo Special One sembra orientato verso una soluzione più offensiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

3 commenti

  1. Marco65 ha detto:

    Ridicolo che si pensi che un gol in piu’ o in meno contro l’helsinki in 10 possa cambiare qualcosa e poi per un pallone che ti sbatte addosso e va in porta a 30 centimetri dalla linea. Il dubbio non c’e’ e non ci deve essere Pellegrine se vuole essere utile alla Roma e non a se stesso deve scalare a centrocampo davanti troppo forti Dybala Zaniolo e Abraham anche solo per pensare di tenerne fuori uno per avanzare Pellegrini.

  2. Amor ha detto:

    Ma in panchina no ???? In attacco chiaramente non c’è posto, nei 2 a centrocampo non può giocare, perché sfiancherebbe il compagno di reparto. La panchina è il posto più adatto a lui