DE ROSSI alle Radio:“ E’ brutto uscire in questa maniera da una competizione che era alla nostra portata, con questa splendida cornice di pubblico a sostenerci. Dispiace non aver potuto salutare i tifosi, ma il nervosismo a fine partita era troppo. Il rigore è stato la svolta e il secondo gol, preso a breve distanza dal primo, ci ha tagliato le gambe”. Sul rigore”: lo ho toccato con il ginocchio ma lui è andato a  terra da solo a palla già persa. Ripeto, dispiace uscire perché in questa competizione, seppur  fossero presenti squadre di grosso calibro, mancavano Manchester, Barca e altri come loro, e avevamo la possibilità di dire la nostra. Sono uscito per una botta al basso ventre che mi ha costretto a andare in bagno. Non siamo in crisi, come ha detto qualcuno. Il momento è positivo e dobbiamo concentrare tutte le nostre energie sul campionato nonostante abbiamo delle assenze pesanti che hanno influito anche stasera”DE ROSSI a un sito greco:”Non Abbiamo preso il match sottogamba,  è stato solo un black out di dieci minuti. Nel calcio capitano anche queste cose. Andiamo avanti”RANIERI in conferenza:”Abbiamo avuto  3-4 minuti di follia ad Atene e a Roma. Sapevamo che sarebbero ripartiti in contropiede e avrebbero provato tiri dalla distanza. Non c e stato quel pizzico di fortuna che sarebbe servito. Dovevamo gestire meglio l-0. In campo internazionale non puoi permetterti il lusso di fare errori. Il Panathinaikos era alla nostra portata, ma il calcio è questo. Bisogna saperlo accettare. Dispiace per i ragazzi e per il pubblico. Onore ai vincitori. La squadra ha spinto, ha giocato bene. Le assenze di giocatori importanti ha influito, senza togliere niente a nessuno. Ora penseremo solo al campionato e avremo piu tempo di allenarci. Domenica gara impegnativa contro un Napoli fortissimo in casa”.
Ha visto Fiorentina.Milan?
”Ho visto una grande Fiorentina e ho saputo all’ultimo che il Milan aveva vinto. Su Pizarro aspetto il responso dei medici e spero di recuperarlo per il Milan”.RANIERI a Roma Channel:”Volevamo far bene, lo stadio era pieno, tutto bello purtroppo abbiamo avuto quattro minuti di follia ad Atene e quattro minuti qua. E’ incredibile. Dopo esser passati in vantaggio dovevamo chiudere la partita, invece abbiamo subito un rigore e un tiro da lontano. Sono stati bravi a sfruttare le occasioni, noi nel secondo tempo abbiamo avuto diverse palle gol ma non siamo stati in grado. Non c’è stato quel pizzico di fortuna”.La squadra ha avuto fretta dopo il gol?“Già sull’1-0 ci siamo scomposti. Gli abbiamo regalato la palla del rigore e del tiro in  porta. In campo internazionale non te lo puoi permettere. Avevamo la partita in pugno invece ci è sfuggita di mano. Il Panathinaikos era alla nostra portata, ma il calcio è questo. Mi dispiace per i ragazzi e per il pubblico. Bisogna ringraziarli, ci sono stati vicini. Volevamo riaprire la partita”.Secondo tempo“Nell’intervallo abbiamo parlato di restare squadra, di giocare e di uscire dal campo a testa alta. La squadra ha spinto, poi alla fine le assenze di Pizarro, Totti e Toni pesano, senza togliere a chi ha giocato e a chi ha dato tutto. Adesso guarderemo al campionato e alla coppa Italia. Domenica c’è una grande partita col Napoli che in casa fa sfracelli. Dobbiamo essere determinati”.Ha visto la gara del Milan?“Ieri ho visto una grande Fiorentina. Dobbiamo lottare con queste squadre e mantenere queste posizioni. Ma anche l’Europa League è una grande competizione”.Pizarro come sta?“Vediamo aspetto il responso dei dottori. Spero di riaverlo per la partita col Milan”.BRIGHI alle Radio:”Purtroppo abbiamo preso 3 goal, a differenza di quanto avviene in campionato. Siamo meglio di loro e dispaice. Abbiamo avuto un black out. Non credo che ci siamo rilassati. Abbiamo provato a spingere fino all’ultimo. Non siamo stanchi,abbiamo provato fino allultimo. Non eun problema di stanchezza. Speriamo di riposare di più e tornare più brillanti. Nessuna ripercussione oer il campionato. Aumenta la delusione per un obiettivo alla nostra portata” VUCINIC alle Radio:“Aversari importanti e  forti. L’importante è che ci abbiamo creduto fino al 90’.Cosa è successo con Ninis? Lui è venuto a cercarmi per darmi la mano, io non glie l’ho data e lui mi ha detto figlio di p… . A quel punto sono andato a cercarlo perchè volevo picchiarlo”.  . Domenica partita difficile ma dobbiamo provare a vincere. Non abbiamo preso l’impegno sottogamba, sono stati solo episodi sfortunati. Se inciderà sul campionato? Lo scopriremo domenica.
AGGIORNA