Foto Tedeschi

ROMA MOURINHO – La sconfitta di Verona ha interrotto l’incredibile avvio di stagione della Roma di José Mourinho, brucia inevitabilmente per il modo in cui è arrivata ma non ridimensiona prospettive e ambizioni dei giallorossi.

Leggi anche:
Dal contratto al ruolo, Roma è in ansia: cosa succede a Zaniolo?

Il tempo e la reazione: José si prepara

Fin dal giorno della sua presentazione lo Special One ha parlato di tempo necessario a far crescere il gruppo e creare le condizioni necessarie per arrivare – nell’arco del triennio – a vincere un trofeo. E in questo senso il ko di domenica scorsa potrebbe rivelarsi la prima vera occasione per dimostrare che qualcosa è cambiato dal punto di vista della tenuta mentale. Come scrive Il Tempo, la tristezza percepita all’interno dello spogliatoio del Bentegodi è stata apprezzata dall’allenatore, che da questa mattina lavorerà con i giocatori per trasformare il rammarico per una sconfitta inaspettata in voglia di rivalsa. Troppe volte in passato la Roma ha faticato a reagire dopo un passo falso – perdendo punti preziosi – ma da questo punto di vista la presenza di Mourinho a Trigoria rappresenta la garanzia più grande: nessuno meglio di lui sa quali corde toccare per ricaricare i giocatori e restituire la giusta motivazione al gruppo. “Come ne avevamo vinte sei e non sessanta, ora ne abbiamo persa una e non dieci”, ha spiegato Mou dopo l’ultima partita. Niente drammi quindi. Soprattutto perché il processo di crescita della Roma è ancora alle fasi iniziali e l’ambizione dell’allenatore non è mai stata quella di essere competitivi fin da subito per la lotta scudetto. L‘obiettivo dichiarato è quello vincere sempre la prossima partita puntando alla qualificazione in Champions.