I tre ‘cavalli di battaglia’ del Monza che preoccupano la Roma

Teresa Tonazzi
02/03/2024 - 8:00

Getty Images
I tre ‘cavalli di battaglia’ del Monza che preoccupano la Roma

ROMA MONZA AVVERSARIA – La strada verso la spiaggia. La Roma sta rialzando la testa dopo aver nuotato in acque impervie di classifica. I giallorossi hanno inanellato alcuni risultati utili e stanno aumentando il bottino in classifica, ma urge mantenere la continuità perchè i competitors in zona Champions non mancano. E questa strada passa da Monza.

Il Monza e quel poker al Milan

Il Monza attende la Roma da una posizione tranquilla di classifica. I biancorossi sono reduci da 5 risultati utili consecutivi tra cui il 4-2 rifilato al Milan nella 25a giornata. Contro le big, però, è stata l’unica vittoria sino ad ora, su 9 partite sono arrivati il pari con Lazio e Napoli (entrambi fuori casa) e per il resto tutte sconfitte. In generale, il rendimento in casa di Pessina e compagni è leggermente migliore: 5 delle 9 vittorie totali sono maturate tra le mura dell’U-Power Stadium.

Punti di forza e debolezze

Il Monza è una squadra compatta che sa come stare in campo. Palladino contro la Roma può contare su alcune risorse importanti, ad esempio il portiere: il Monza è primo per parate (98). Anche il possesso palla (31′ 48”) è un plus che colloca il club al quarto posto di questa speciale classifica, dietro a Napoli, Bologna e Milan. E i biancorossi possono avere nella manica anche l’asso corner, visto che sono i 4 in Serie A per tiri dalla bandierina conquistati. La costruzione offensiva, quindi, è innegabile: la mira, tuttavia, è da aggiustare, visti i 27 gol segnati (13° attacco in Serie A, la Roma vanta il 3°) a fronte di 95 tiri nello specchio.

SEGUI ROMANEWS SU WHATSAPP

La difesa è più vulnerabile nei primi 15 minuti di gara, dove fino ad ora si condensa un terzo (10) dei gol subiti (30, di cui 5 su calcio di rigore). Il Monza perde qualche pallone in meno della Roma e sino a questo momento ha corso più dei giallorossi (112km vs 108). Insomma, la squadra di Palladino non apre le porte dell’U-Power Stadium per fare da spettatrice, ma ha le risorse per dare filo da torcere a Lukaku e compagni. Il belga che, tra l’altro, è alla ricerca del primo centro contro i biancorossi.

La rosa

PORTIERI

  • 16 Michele Di Gregorio
  • 66 Stefano Gori
  • 1 Eugenio Lamanna
  • 23 Alessandro Sorrentino

DIFENSORI

  • 18 Davide Bettella
  • 19 Samuele Birindelli
  • 5 Luca Caldirola
  • 44 Andrea Carboni
  • 46 Giorgio Cittadini
  • 33 Danilo D’Ambrosio
  • 2 Giulio Donati
  • 4 Armando Izzo
  • 77 Georgios Kyriakopoulos (GRE)
  • 22 Pablo Marì (SPA)

CENTROCAMPISTI

  • 8 Jean-Daniel Akpa Akpro (CIV)
  • 38 Warren Bondo (FRA)
  • 21 Valentin Carboni (ARG)
  • 28 Andrea Colpani
  • 13 Pedro Pereira (POR)
  • 6 Roberto Gagliardini
  • 80 Samuele Vignato
  • 7 Jose Machin (GNO)
  • 11 F. Carboni
  • 32 Matteo Pessina

ATTACCANTI

  • 10 Gianluca Caprari
  • 9 Lorenzo Colombo
  • 84 Patrick Ciurria
  • 24 Mirko Maric (CRO)
  • 47 Dany Mota (POR)
  • 17 Alejandro Gomez (ARG)

La formazione tipo

(3-4-1-2): Di Gregorio; Izzo, Marì, D’Ambrosio; Kyriakopoulos, Pessina, Gagliardini, Ciurria; Colpani, Caprari; Colombo.

M.Teresa Tonazzi

Scrivi il primo commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Seguici in diretta su Twitch!

Leggi anche...