Foto Tedeschi

ROMA MILAN MOURINHO CONFERENZA STAMPA – Altro big match all’orizzonte per la Roma, che domenica sera attende il Milan allo Stadio Olimpico alle 20.45. Torna José Mourinho in panchina, che contro il Cagliari era dovuto andare in tribuna per squalifica (rimediata contro il Napoli). Il tecnico portoghese è intervenuto anche nella conferenza stampa di vigilia, che si è tenuta alle 15. Intanto ieri i giallorossi sono tornati a Trigoria ad allenarsi per preparare il match, e la formazione si avvia ad essere quella ‘classica’ di Mou, seppure con un dubbio. Ci sarebbe infatti un ballottaggio tra Mkhitaryan ed El Shaarawy, con l’armeno che ultimamente non sembra nella miglior condizione. Di seguito le sue parole:

Leggi anche:
Roma-Milan, le probabili formazioni: dubbio in attacco per Mourinho. Pioli sceglie Ibra e ritrova Hernandez e Diaz dal 1′

Il Milan e Pioli

A me piace giocare contro i migliori e penso di trasmettere questo feeling ai miei giocatori. Fa piacere giocare contro squadre che stanno giocando bene. E’ una motivazione, mai un problema. Quando io ero in Italia Pioli non era in Serie A, non abbiamo mai giocato contro, domani avrò il piacere di salutarlo e conoscerlo. E il lavoro che sta facendo può avere qualche cosa simile a quello che devo fare io qui, la mia sensazione è che lui ha tanto merito in quello che sta facendo, ma stiamo parlando di un lavoro di società. Da fuori mi sembra che dietro lui ci sono persone come, ad esempio, Paolo Maldini, una buona struttura, stabile, una rosa buona, una buona evoluzione di club. Ora giocano in Champions, sono primi o secondi, molto bene. E’ difficile per una squadra controllare una partita per 90 minuti. Magari in qualche campionato è possibile, non qui. C’è sempre un momento in cui il blocco si abbassa, per merito dell’avversario, e dopo hai giocatori con alcune qualità. Nel caso del Milan Ibra e Giroud sono giocatori che per fisico e dominio sono pericolosi.

Mkhitaryan, Spinazzola e le convocazioni

Fedelissimi sono tutti quelli che stanno in rosa. Purtroppo posso usarne 11, 12 in panchina a volte sono tanti. Ma va benissimo. Non posso convocare tutti, però ‘fedelissimi’… capisco cosa intendete, ma Mkhitaryan sta facendo bene. Non vado nella direzione della partita di Cagliari, non è più un ragazzino, ha giocato domenica anche, ho pensato di mettere El Shaarawy per avere un po’ più di profondità. Mkhitaryan è fedelissimo sempre. Gioca? Non cambia niente, è un giocatore importante. Ma anche Fuzato è fedelissimo. I giocatori convocati saranno gli stessi dell’ultima partita, meno Volpato. Mi piace non distruggere la squadra di Primavera e prendere 3-4 giocatori. Per questo non l’ho chiamato. Spinazzola? Tutto va benissimo, nessun passo indietro. Quando gioca? Preferisco non dirlo e non rischiare, preferisco dire che abbiamo solo buone notizie.

La difesa e i gol subìti

Vogliamo segnare di più, e se possibile incassare di meno. La media sino ad ora è positiva. Abbiamo giocato contro squadre importanti.. con la Juve uno l’abbiamo segnato (ride, ndr). L’importante è giocare, andare lì con il sentimento di poter vincere. Per vincere devi essere equilibrato, devi difendere bene e segnare, è importante avere una buona organizzazione difensiva. Stiamo migliorando, ma a poco a poco. Non è contro il Milan, serve sempre la vittoria. E’ sempre quello che vogliamo, si è visto contro il Napoli. Volevamo vincere fino all’ultimo minuto, sembrava che ci stavamo giocando la vita. Vogliamo sempre vincere. Domani il Milan poi gli altri. Magari domani non vinciamo, ma nessuno mi proibisce di provarci e di entrare in campo per vincere. Questa cosa magari porta gente allo stadio, anche dopo una sconfitta, come quella con la Lazio, o la vergogna di Bodo. La gente viene allo stadio per passione però penso anche per un atteggiamento di squadra. E questo non lo cambiamo. ”

La stampa romana

5 gol in avvio di ripresa subìti? Potevi dire anche che entriamo bene e non subiamo gol nel primo tempo, ma voi siete bravi a trovare cose negative. Può succedere… che posso dire? Posso farvi i complimenti (riferito al giornalista, ndr) perchè trovate la situazione più negativa, un po’ come i giocatori che non sono convocati. Sarebbe più facile dire che una squadra come la Roma ha 6-7 giocatori in panchina con meno di 20 anni, invece no… magari ora inizio a capire perchè tutti dicono che la piazza di Roma è difficile. In altri club c’è più protezione dalla gente di casa. Però va bene, è divertente così.

7 Commenti

  1. Per AsRoma news, leggete bene cosa dice alla stampa romana e riflettete…cosi ci evitate articoli o opinionisti di M.
    MOU sei un grande.

  2. come sempre Mou trova gli argomenti giusti. Grandissima bacchettata alla stampa di Roma, che sicuramente avrà da ridire perché “non è serva di nessuno”. Ve lo dice anche il portoghese, difendete la squadra e cercate di non trovare sempre le negatività.

  3. La stampa romana? Non che la stimi granché, tutt’altro, ma nel complesso è sin troppo indulgente con squadra e giocatori (spacciati, chi più, chi meno, per campioni). Taccio, per carità di patria, sul gioco, grande assente di questo primo quarto di campionato. Detto ciò, personalmente guardo sempre speranzoso ogni singola partita della Roma: forza! Oggi è importante!

  4. benvenuto Jose’ adesso sai come funziona a Roma….una parte della stampa romana e’ collusa con il nord se so imparati da loro quello che ha detto Mou che dovrebbero difendere Roma e la romanita’ detto da uno straniero che sta a Roma da quattro mesi mi fa’ pensare io per esempio a Torri non posso dire niente lui si vanta di essere romano e Romanista in suo e’ un esempio

Comments are closed.