30 Novembre 2022

Roma, mal di gol a centrocampo: Frattesi può essere la chiave

Il centrocampo della Roma fatica ad andare in rete e José Mourinho chiede rinforzi: il nome di Davide Frattesi rimane forte in ottica giallorossa

Per centrare gli obiettivi prefissati, nella seconda parte di stagione la Roma dovrà necessariamente cambiare marcia. Dopo 15 giornate di campionato, i giallorossi si trovano con 8 vittorie, 3 pareggi e 4 sconfitte. Un rendimento fin qui molto altalenante, e i numeri lo testimoniano.

Se da una parte il dato dei gol subiti è da top 4 di Serie A, 14 reti con davanti soltanto Napoli, Lazio (entrambe a 12) e Juventus (addirittura 7), lo stesso non si può dire per il rendimento offensivo. In questo caso, la classifica non sorride: con una media di poco più di uno a partita (1,2), la squadra di José Mourinho si trova in decima posizione, dietro a tutte le big e club come Salernitana oppure Bologna (1,3).

Ciò si può spiegare con diversi fattori: l’attacco della Roma, escludendo Paulo Dybala, il miglior marcatore stagionale, latita parecchio (Abraham e Zaniolo insieme fanno 4 gol). Il centrocampo, invece, è completamente nullo dal punto di vista realizzativo. Da segnalare soltanto Matic e Cristante, entrambi a quota una rete.

Forse allora non è un caso che, proprio per questo motivo, la dirigenza capitolina segue da tempo un profilo come Davide Frattesi. La mezz’ala di inserimento del Sassuolo continua a rimanere nei pensieri di Tiago Pinto, che lo aveva già cercato durante la finestra estiva. Chissà che ora, con l’apertura del mercato di riparazione prevista per il 2 gennaio, i discorsi non possano riaprirsi. Tra la richiesta del DG neroverde Carnevali e l’offerta della società capitolina, che detiene il 30% sulla futura rivendita del giocatore, c’è distanza. Il punto di incontro è ancora da trovare.

Frattesi, i numeri delle sue stagioni

La Roma e Frattesi si sono cercati per un po’, ma alla fine tutto si è concluso in un nulla di fatto. “Ero convinto che fosse tutto fatto. L’allenatore, Dionisi, mi ha dovuto allontanare un paio di volte dall’allenamento perché non ero concentrato. Giusto così. D’altra parte anche qui, capisco la Roma: non poteva aspettare tutta l’estate per prendermi“, queste le sue parole rilasciate di recente in un’intervista.

Durante l’estate 2021, nel suo passaggio dalla Serie B al massimo campionato italiano, il classe ’99 non ha sofferto più di tanto il salto di categoria. La stagione al Monza (2020-2021), che in quel momento giocava ancora in cadetteria, testimonia numeri importanti: 8 gol e 2 assist in 37 presenze (per un totale di 2.459 minuti). Alla prima esperienza neroverde (2021-2022), invece, 4 reti e 4 passaggi vincenti in 36 gare di campionato (2.883 minuti totali).

In questa prima parte della Serie A 2022-2023, il calciatore azzurro ha fatto registrare un’altra crescita importante. Già eguagliato, infatti, il recente numero di realizzazioni (4) ottenendo all’incirca un gol ogni 305 minuti giocati.

All’età di 23 anni, Frattesi può dire di aver sperimentato quasi tutte le zone in mezzo al campo. Da centrocampista centrale ha giocato 213 partite con 36 reti e 16 assist. Decisamente minori gli altri impieghi da trequartista e mediano. Per quanto riguarda il primo, “soltanto” 2 gol in 14 presenze. L’altro, invece, ancora più ridotto ma paradossalmente con la media migliore: 2 realizzazioni in 5 gare. In Brianza era solito giocare nel 3-5-2 del tecnico Brocchi, mentre invece a Reggio Emilia con Dionisi sia 4-2-3-1 che 4-3-3. Insomma, un centrocampista a 360 gradi, con la capacità di non snaturare la sua vena realizzativa nonostante la posizione sul terreno di gioco.

Un percorso graduale, che lo ha fatto maturare nel tempo, come testimonia anche uno stralcio di un’altra intervista rilasciata al canale Cronache di Spogliatoio. “Mi vedrei a giocare in un centrocampo a due. Poi le qualità fisiche verranno un po’ meno e ci sarà bisogno di esperienza. A due è più divertente. Da mezzala tocchi più palloni. Ma l’anno scorso mi divertivo. Con Maxime giocavamo tantissimo la palla, era divertente. Tra 10 anni tornerei a fare ciò che all’inizio odiavo. Io non volevo rimanere a Sassuolo perché giocavamo a due. Volevo andare via, pensavo di non avere le caratteristiche giuste. Poi vedevo Lopez ed è iniziato il mio percorso di restare in campo. I compagni mi hanno dato una grossa mano facendo uscire qualità che non credevo di avere”.

Aspettando il rientro di Georginio Wijnaldum, la Roma potrebbe puntare su uno dei prodotti usciti dal vivaio della Primavera per aumentare una produzione realizzativa fin qui scarsa. Stando ad alcune voci di mercato, lo Special One vorrebbe Frattesi già a gennaio. Intanto, il ragazzo di Fidene continua a coltivare il suo sogno: festeggiare un gol all’Olimpico con la maglia giallorossa.

Marco Guerriero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

2 commenti

  1. Giorgio ha detto:

    Ho si prende subito ad inizio gennaio altrimenti resti dove sta.
    Che Pinto ci risparmi un mese di trattativa per chiudersi con il solito flop

  2. Fra ha detto:

    Frattesi può servire se rientra subito wilnaldum sennò serve un regista e anche de corsa! Se vendesse Crisantemo e si prenda xhaca daje