Roma-Livorno 0-1: tutte le interviste
AGGIORNARANIERI in conferenza stampa all’OlimpicoUna sconfitta inaspettata…”Non riuscivamo a portare superiorità, sapevamo che avrebbero giocato chiusi ma noi abbiamo sofferto molto con poca velocità. Troppo prevedibile e lenti. Quello che dispaice è che avevamo creato e non siamo riusciti a segnare. Pur in questa, che è stata la più brutta partita da quando sono qui”.Manca Pizarro…”Non avevo scelte, per questo c’era Faty, lui ha giocato bene anche a Napoli. Si deve far le ossa poi un conto è entrare un conto è giocare dal’inizio. Abbiamo pagato poca consapevolezza nel voler aprire la squadra avversaria. Dobbiamo parlarne. Mi è sembrato però e non è una scusante, che tutte le squadre che hanno giocato in Europa hanno sofferto. Certo bisogna avere rimpiazzi ottimi altrimenti un po’ lo paghi”.E’ un passo indietro?”No non è un problema tecnico lo abbiamo detto. Io mi auguro di no, visto che una settimana fa pensavamo alla zona champions. Abbiamo assaporato il dolce ed ora c’è l’amaro. Aspetto e mi auguro una reazione. L’uomo cade, è normale ma ci si deve rialzare”.Vucinic oggi non è andato…”Ancora non ho parlato con i giocatori. I tifosi li capisco si ricordano sempre il massimo. Questo ragazzo ha avuto due infortuni, nella doppia settimana di riposo lo abbiamo recuperato ma non si è mai allenato. Lui ti può inventare moltissimo. Ha un atteggiamento particolare questo si, sembra un po’ strafottente ma non lo è. Vuole spaccare il mondo ma ora non ci riesce, io non riesco a farlo allenare, non c’è tempo e non ho altri giocatori di quello spessore per farlo riposare 15 giorni per bene. Quindi posso solo ringraziarlo, si è fatto trovare dove doveva oggi”.RANIERI a Roma ChannelE’ arrivata una sconfitta in casa.“Non ce l’aspettavamo. Questo ci ha condizionato. Abbiamo iniziato bene nei primi 10 minuti di tutti e due i tempi. Abbiamo sentito l’assenza di Pizarro, senza parlare di Totti. Pizarro ha avuto un problema alla schiena, questa mattina mi ha detto che forse non ce la faceva e alla fine non ce l’ha fatta. Siamo stati prevedibili. Loro con un tiro in porta si sono portati a casa l’intera posta”.Roma stanca?“Io ho visto anche le altre quadre che hanno giocato in coppa. Genoa, Lazio e Fiorentina hanno perso. La Juve ha vinto faticando. Certamente un qualcosa si paga giocando in Europa. Facendo turnover alla fine paghi e questo non dovrebbe accadere”.Come mai il cambio di Menez?“Stava alla terza partita consecutiva. Ho optato per farlo partire dall’inizio, poi ho visto che era stanco e lo ho tolto. Ho messo Pit per portarli sugli esterni. Oggi non è andato bene niente. Abbiamo tentato fino in fondo. Stavamo a un passo dal dolce a  San Siro, adesso ci dobbiamo rimboccare le maniche”.Calendario complesso.“Un allenatore ha bisogno di 14-15 giocatori che ti danno sempre il 100%. La rotazione si può fare con i ragazzi, ma quando li chiami a iniziare una partita possono pagare la personalità”.La situazione di Vucinic“Quando giochi ogni tre giorni devi cercare di miscelare. Ha recuperato per andare in campo senza fare allenamenti. Gli manca la rapidità. L’errore ci sta, ma io non posso fare a meno di Vucinic. Viene beccato dai tifosi in parte giustamente, ma bisognerebbe anche capire il momento”.Come sta Totti?“Stiamo cercando di stressare il ginocchio. Il professor Mariani ha detto di andare avanti con il nostro lavoro. Valuteremo giorno dopo giorno”.RANIERI alla RaiUna sconfitta che brucia..”E’ andata male abbiamo avuto molte occasioni, una all’ultimo era perfetta per pareggiare ma non è andata. Non era giornata evidentemente. Abbiamo pagato moltissimo più che il discorso fisico il discorso nervoso. Diverse squadre che hanno giocato in Europa questa settimana non sono andate bene. Un allenatore cerca di ruotare e di far giocare chi vede meglio”.Con Totti in campo come sarebbe andata?”Sia con Totti che con Pizarro sarebbe stata un’altra partita. Il primo ci da profondità insieme a De Rossi. Il secondo lo sappiamo tutti è il nostro goleador principe. Noi abbiamo creato ma non abbiamo messo dentro. Con Francesco anche quando non ci sono occasioni, tutto diventa più semplice perchè lui le tira fuori dal cilindro”.Settimana travagliata anche a livello societario, può aver contato?”Assolutamente no, no e no. Oggi volevamo fare bene e vincere, siamo partiti bene e poi proseguito male. Loro hanno giocato come ci aspettavamo e così facendo hanno portato a casa la posta. Noi non siamo stati nè bravi, nè belli nè niente”.BAPTISTA in zona mistaSiete in silenzio stampa? “Sì, parla solo il mister”.CASSETTI in zona mistaVi hanno detto che andrete in ritiro?”No, non ce lo hanno detto”.FATY in zona mistaSiete in silenzio stampa? “Sì” (dice allontanandosi, ndr)RANIERI a  Sky
Allora Ranieri una brutta Roma, che ha giocato anche addirittura peggio quando era in superiorità numerica.
“Brutta partita. Abbiamo perso con un tiro in porta. Sconfitta immeritata ma abbiamo giocato male. Abbiamo sbagliato sotto l’aspetto mentale la gara. Credo abbiamo consumato troppe energie mentali Giovedi e oggi eravamo scarichi. Il Livorno si chiudeva bene e per noi era tutto più difficile”.
Vucinic sta diventando un caso ?
“Gli attacanti vivono di gol. Capitano questi momenti, succede, prima o poi si slboccherà. Spero presto però, visto che non abbiamo a disposizione il capitano diventa tutto più difficile”.
E’ anche mancato Ranieri qualcosa sotto l’aspetto della grinta in campo?
“Le cose sono due: O abbiamo sprecato troppe energie giovedi come dicevo prima oppure abbiamo sottovalutato l’avversario, pensando che fosse una partita facile. Abbiamo giocato bene solo i primi dieci minuti di ogni tanto e poi perdevamo intensità”.
Ranieri questa Roma sembra una squadra stremata da un punto di vista fisico, come se fosse una squadra che nel corso degli anni è andata oltre i propri limiti e ora si stanno vedendo i risultati.
“Mi auguro popriro di no. Io sono arrivato da poco, devo cercare di costrurire, la squadra io sono contento che mi sta seguendo, certo che pero’ non è mai faciel giocare senza Totti. Oggi con Francesco in campo credo che con tutte le occasioni che abbiamo avuto avremmo trovato sicuramente il gol”.
Cosmi a SkySulla vittoria nel giorno del ritorno.Insperata, cioè volevo tornare e c’era un desiderio enorme, però tutto avevo pensato tranne realizzare quello che sembrava non impossibile, perché nel calcio l’impossibile mille volte si è dimostrato che non esiste, però di particolarmente difficile. Le premesse non erano felici. Sono stato premiato anche da un pizzico di fortuna che magari i miei predecessori non hanno avuto, bisogna riconoscerlo perché se no si parla sempre di quello che si fa di buono e si dimentica invece che ci sono stati dei professionisti che hanno lavorato e che magari per tante cose non hanno ottenuto i risultati.Mancava questa adrenalina della panchina?Sì, mancava. È stato un gesto ingenuo quello del portiere?Ingenuo, ma figlio di una situazione di non serenità che ti da’ l’ultimo posto. Vai a giocare in campo, però sei troppo nervoso, anche quando vinci. In quel momento aveva la palla in mano, però sono ragazzi. Io capirò loro e molto probabilmente loro capiranno me nel più breve tempo possibile.Su un contatto con Simone Perrotta.Mancava poco alla fine, un nostro giocatore aveva buttato fuori la palla, era normale attenderci che la palla fosse restituita. Simone lo conosco e mi è dispiaciuto in maniera particolare, gliel’ho fatto notare. Ho parlato anche con Ranieri e ha detto che avevo ragione. Questo succede sempre in virtù di questa regola-non regola che spesso crea questi equivoci.
TAVANO a Roma Channel“A noi servivano punti. Siamo venuti qui a giocarci la partita. Siamo stati bravi a sfruttare le nostre occasioni. Dopo una settimana è difficile fare subito i complimenti al nuovo allenatore. Oggi siamo stati bravi a portare a casa i tre punti. Sul gol, Pulzetti me l’ha appoggiata dietro e io ho fatto partire un bel tiro. La Roma era un po’ stanca perché ha giocato anche in Europa League. Loro trovavano difficoltà a fare gioco perché noi eravamo messi bene. Fare tre punti a Roma è importantissimo”.TAVANO alle radioUna vittoria inaspettata…”La Roma è una grande squadra, ma oggi ha trovato molte difficoltà. Noi siamo affamati di punti”.L’assenza di Totti ha pesato…”Bhè lo conosciamo tutti, senza di lui un po’ di fatica la fa. Spero che torni presto”.Ti fa piacere aver segnato?”E’ normale, tutti sono soddisfatti quando segnano, ero a secco da un po’. Io sono molto contento”.[continua]