5 Novembre 2022

Roma-Lazio, Mourinho sa come si fa: una carriera di derby Special

Lo Special One in 21 anni di carriera ha preparato e vissuto 118 derby in quattro paesi e sette club diversi. Spicca un unico bilancio negativo

Foto Tedeschi

Manca sempre meno alla sfida più attesa in campionato dai tifosi di Roma e Lazio: domani alle 18 andrà in scena il derby della capitale. Oltre 60 mila giallorossi riempiranno lo Stadio Olimpico per sostenere la squadra di José Mourinho, che arriva all’appuntamento contro i cugini dopo aver messo in tasca la qualificazione ai playoff di Europa League vincendo 3-1 contro il Ludogorets. Chi sa come affrontare il match è proprio lo Special One che in 21 anni di carriera ha preparato e vissuto 118 derby in quattro paesi (Portogallo, Italia, Spagna e Inghilterra) e sette club diversi (Benfica, Porto, Chelsea, Inter, Real Madrid, Manchester United, Tottenham e Roma).

I numeri di Mourinho e i precedenti derby contro la Lazio

Lo score dello Special One in queste particolari partite non può che far sorridere e ben sperare i tifosi giallorossi.  Con 79 vittorie, 19 sconfitte e 20 pareggi, il tecnico portoghese è il re dei derby. Contro la Lazio il bilancio è equilibrato: una vittoria e una sconfitta. L’ultimo successo è arrivato proprio sulla panchina della Roma il 20 marzo 2022, quando i giallorossi si sono imposti 3-0 chiudendo il derby della capitale al 40esimo minuto grazie al gol di Pellegrini e la doppietta di Abraham.

Gli esordi e i successi

Buona la prima per Mourinho nella stracittadina: 22 anni fa, alla guida del Benfica, la partita contro lo Sporting Lisbona il 3 dicembre del 2000 finì 3-0. Successivamente, alla guida del Porto, ha collezionato cinque vittorie su cinque contro il Boavista. Bottino pieno, dunque, per Mourinho in Portogallo. Poi il salto in Premier League: durante la sua prima esperienza con il Chelsea vinse due campionati, due coppe di lega, una Community Shield e una coppa d’Inghilterra totalizzando 26 vittorie, 8 pareggi e 3 sconfitte contro Arsenal, Tottenham, West Ham, Crystal Palace, Charlton e Fulham dal 2004 al 2007. Richiamato nel 2013 sulla panchina dei Blues, il bilancio è ancora una volta a suo favore: diciassette vittorie, cinque pareggi e cinque sconfitte. Con l’Inter nel2008, il re del derby è sempre José: dopo il ko iniziale contro il Milan il 28 settembre (0-1), arrivarono tre successi consecutivi. In Spagna, sulla panchina del Real Madrid, su 17 sfide contro Atletico, Raja Vallecano e Getafe, solo due furono le sconfitte (una delle quali in finale della Coppa del Rey contro i Colchoneros, ultimo derby della capitale spagnola).

Il precedente negativo

Per Mourinho spicca un unico bilancio negativo. Si tratta dell’esperienza al Manchester United, dove tra il 2016 e il 2019 lo Special One ha collezionato due vittorie, un pareggio e tre sconfitte contro il City di Guardiola. In Inghilterra però, Mourinho ha subito riconfermato la tendenza positiva nei derby gli anni successivi sulla panchina del Tottenham (2019/2021) dove i successi hanno nuovamente superato i ko (sette vittorie, cinque pareggi e altrettante sconfitte).

Manuela Fais

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.