Roma, pronte le mosse anti-Inter: spazio a Bove? Le ultime di formazione

Marco Guerriero
09/02/2024 - 10:44

Daniele De Rossi si prepara ad affrontare il suo primo big match della stagione: le ultime di formazione alla vigilia di Roma-Inter

Getty Images
Roma, pronte le mosse anti-Inter: spazio a Bove? Le ultime di formazione

ROMA INTER FORMAZIONE – Daniele De Rossi si prepara ad affrontare il suo primo big match della stagione. Domani all’Olimpico arriva l’Inter di Simone Inzaghi, probabilmente rinvigorita dopo l’ultima vittoria contro la Juventus nella sfida Scudetto dello scorso turno di campionato. Per l’ex centrocampista ci sono ancora diversi nodi da sciogliere in merito alla formazione titolare. Dopo tre vittorie su tre, la nuova Roma targata DDR vuole mettersi alla prova contro un avversario di altissimo livello.

Roma-Inter: Pellegrini più avanti, a centrocampo scalpita Bove

Come riporta La Gazzetta dello Sport, il probabile undici di partenza della Roma potrebbe non essere troppo diverso dalle ultime uscite. Dunque avanti con l’impianto conosciuto e con gli uomini che in esso si sono dimostrati finora a proprio agio. Qualche piccola variazione, però, dovrebbe esserci per evitare di sfidare l’Inter con leggerezza. La più vociferata è il possibile inserimento di Bove al posto di El Shaarawy, ma in mediana, con Pellegrini più “alto”.

In questo senso, il centrocampo avrebbe più capacità di interdizione. Il classe 2002 si metterebbe sulle tracce di Barella e magari potrebbe anche andare a ringhiare su Calhanoglu a inizio azione. Compito che non può essere affidato a Dybala: De Rossi ha alleggerito i compiti difensivi della Joya, ma dovrà comunque spendere energie perché dalla sua parte l’Inter spinge con Bastoni e Dimarco. Il capitano, invece, si piazzerebbe a sinistra nel tridente in una posizione che ha ricoperto in Nazionale con Mancini.

Lì stringeva sulla trequarti lasciando l’ampiezza a un terzino, cosa che la Roma fa dall’altra parte, dove Dybala si accentra e lascia la fascia alla spinta di Karsdorp. Niente impedisce a De Rossi di ribaltare il campo: Angelino largo e alto a sinistra, l’argentino diventa ala destra per tenere basso il “quinto nerazzurro” con l’olandese più bloccato e l’aggiunta di Cristante nel mezzo spazio di destra, Bove e Paredes a protezione. Vero che l’Inter fa male quando attacca perché sa muovere gli avversari, ma va in difficoltà soprattutto se attaccata in rapidità e verticalità.

SEGUI ROMANEWS.EU ANCHE SU X!

Vedi tutti i commenti (2)

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

    Tutti i commenti

  1. Del tutto d’accordo sulla presenza di Bove domani : in qualsiasi ruolo, la prima maglia è la sua. Non capisco peraltro quale possa essere la differenza tra Elsha e Pellegrini, davanti a sn. Per Stephan quello è il suo ruolo, da dove può far male all’Inter, specie in contropiede. Il cap, peraltro in ascesa evidente – finalmente ! – di forma, in quella posizione non mi paredi averlo mai visto, nè posso immaginare utilità della novità. Poi, se deve giocare per forza, ce ne faremo una ragione : magari ari-segna dopo 3 minuti allora s’abbracciamo. Dajeeee !

  2. Sarebbe una mossa intelligente ma non schierarlo al posto di el sharawi ma al posto di paredes.
    Avere il faraone in campo costringerebbe l’inter a essere più prudente considerando che ha gli esterni che amano attaccare