Frosinone, lo Stirpe è la comfort zone, l’ex Di Francesco può essere l’arma in più

Teresa Tonazzi
17/02/2024 - 18:59

Frosinone, lo Stirpe è la comfort zone, l’ex Di Francesco può essere l’arma in più

ROMA FROSINONE AVVERSARIA – In quella che si preannuncia una domenica di sole la Roma va a Frosinone per riprendersi la vittoria in campionato dopo il ko contro l’Inter. L’impegno arriva nel bel mezzo della settimana di coppa, ma i giallorossi sanno quanto è importante mantenersi in equilibrio su entrambi i fili.

SEGUI ROMANEWS SU TWITTER

Frosinone, la porta è una risorsa

Tanta stima per De Rossi da parte di Di Francesco, un tecnico che conosce bene. Ora i due sono colleghi, entrambi con i propri obiettivi. Il Frosinone gravita al momento a metà classifica. All’andata i giallazzurri hanno incassato 2 gol all’Olimpico, lo Stirpe è la vera comfort zone della squadra, che tra le mura di casa ha collezionato le 6 vittorie in stagione. Il resto sono stati pareggi (5) e sconfitte (13). Gli uomini di DiFra possono contare sulle abilità del portiere, non a caso sono quinti in Serie A per parate effettuate (77). I giallorossi sono ultimi in questa classifica, a 51.

Punti di forza e debolezze

Il Frosinone, ad oggi, ha incassato 10 gol più della Roma. Il momento in cui i giallazzurri sono più vulnerabili è la cosiddetta ‘zona Roma’, ovvero dal 75′ in poi (14 reti subìte). Ma anche la parte centrale del primo tempo ha spesso portato ‘guai’ alla squadra di Di Francesco (11 reti subìte), che ha una buona capacità realizzativa (12%) e sino ad ora ha messo a segno 32 gol in 206 occasioni. Soulé e compagni alzano il ritmo nel secondo tempo: dopo l’ora di gioco sono arrivate quasi la metà delle reti, cioè 15. E dal dischetto la squadra rende bene, quest’anno sono 7 su 7 realizzati dagli undici metri.

La rosa

PORTIERI

  • 31 Michele Cerofolini
  • 1 Pierluigi Frattali
  • 33 Michele Avella
  • 80 Stefano Turati

DIFENSORI

  • Sergio Kalaj (ALB)
  • 40 Mateus Lusuardi (BRA)
  • 20 Pol Lirola (SPA)
  • 13 Matjaz Kamensek (SLO)
  • 3 Riccardo Marchizza
  • 28 Daniel Macej (CZE)
  • 30 Ilario Monterisi
  • 5 Caleb Okoli
  • 22 Anthony Oyono (GAB)
  • 6 Simone Romagnoli

CENTROCAMPISTI

  • 45 Enzo Barrenechea (ARG)
  • 24 Mehdi Bourabia (MAR)
  • 12 Reinier (BRA)
  • 4 Marco Brescianini
  • 41 Ayoub AFti (TUN)
  • 17 Giorgi Kvernazde (GEO)
  • 18 Matias Soulé (ARG)
  • 8 Karlo Lulic (HRV)
  • 14 Francesco Gelli
  • 21 Abdou Harroui (MAR)
  • Karlo Lulic (Centrocampista)
  • 36 Luca Mazzitelli

ATTACCANTI

  • 7 Jaime Baez (URU)
  • 26 Soufiane Bidaoui (MAR)
  • 10 Giuseppe Caso
  • 70 Walid Cheddira (MAR)
  • 11 Marvin Cuni (ALB)
  • 27 Arijon Ibrahimovic (GER)
  • 9 Kaio Jorge (BRA)
  • 16 Luca Garritano

La formazione tipo

(4-2-3-1): Turati; Lirola, Okoli, Romagnoli, Marchizza; Mazzitelli, Barrenechea; Gelli, Bourabia, Harroui; Cheddira. All.: Di Francesco.

Vedi tutti i commenti (5)

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

    Tutti i commenti

  1. L’ipotesi ironica del calendario, se lo Specialone non vince oggi e con il Cagliari la prossima, potrebbero essere proprio Di Francesco e Ranieri a mandarlo a casa al bollito di Setubal…ironia della sorte

  2. Gentile redazione, non dovreste consentire la duplicazione dei nckname…Il commento sotto, a nome Vincent Vega non è mio.

  3. Dato ma non concesso che la dichiarazione sia vera ne poteva fare davvero nulla a meno perché L’unico effetto che può avere e caricare quella nullità di Mourinho

Seguici in diretta su Twitch!

Leggi anche...